Tav: Corte d'Appello Torino boccia tesi di terrorismo

Tav: Corte d'Appello Torino boccia tesi di terrorismo

Torino - L'assalto al cantiere dell'alta velocita' Torino-Lione non fu un atto terroristico. Lo ha ribadito oggi pomeriggio la Corte d'assise d'appello di Torino, che ha confermato la pena di 3 anni e 6 mesi, comminata in primo grado, ai quattro attivisti No Tav che nel maggio 2013 parteciparono all'assalto al cantiere della Torino-Lione a Chiomonte. Il procuratore generale Marcello Maddalena, al suo ultimo processo, aveva chiesto una condanna a 9 anni e 6 mesi, rilanciando l'accusa di terrorismo avanzata in primo grado dai pm Padalino e Rinaudo e gia' scartata dal tribunale di primo grado. Ribadita, invece, la condanna ai quattro attivisti, Claudio Alberto, Niccolo' Blasi, Chiara Zenobi e Mattia Zanotti, per i reati di danneggiamento, fabbricazione e trasporto di armi e resistenza a pubblico ufficiale. (AGI)

(21 dicembre 2015)



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it