Tagliò fune barcone e causò 400 morti, arrestato scafista

Il sudanese è finito in manette a Pozzallo dopo le stragi di migranti dei giorni scorsi

Tagliò fune barcone e causò 400 morti, arrestato scafista
Migranti barcone affonda coste Libia (Afp)

Ragusa - Due barconi legati da una fune, entrambi con circa 500 persone a bordo: quello trainato inizia a imbarcare acqua e lo scafista sudanese decide di tagliare la fune che, tornando indietro come una fionda, uccide una donna. Nell'affondamento del barcone non piu' al traino sarebbero morte circa 400 persone. Un centinaio i superstiti. Oggi, a Pozzallo, su mandato della Procura di Ragusa, la polizia ha arrestato il presunto scafista sudanese.
Il cadavere della donna, colpita dalla fune tagliata, e' stato trasferito ad Agrigento. Parte dei sopravvissuti e' in viaggio verso Taranto.(AGI)