Strage Mecca: accuse a Riad, strade chiuse per far passare vip

(AGI) - Roma, 25 set. - A creare l'imbottigliamento mortale deipellegrini alla Mecca e' stata la chiusura di due stradeintorno a Jamarat per permettere a dignitari di visitare Mina:e' l'accusa lanciata da Mohammad Jafari, consulente per un touroperator inglese dedicato all'haji, ai microfoni della Bbcradio. "Non e' certo il volere di Dio, ma l'incompetenza umana"la causa della ressa di fedeli alla Mecca che ha portato allamorte di oltre 700 pellegrini, ha dichiarato. Dalle immaginidei media sauditi e dalle testimonianze sul terreno, hasostenuto Jafari, "si vede chiaramente che il re e gli

(AGI) - Roma, 25 set. - A creare l'imbottigliamento mortale deipellegrini alla Mecca e' stata la chiusura di due stradeintorno a Jamarat per permettere a dignitari di visitare Mina:e' l'accusa lanciata da Mohammad Jafari, consulente per un touroperator inglese dedicato all'haji, ai microfoni della Bbcradio. "Non e' certo il volere di Dio, ma l'incompetenza umana"la causa della ressa di fedeli alla Mecca che ha portato allamorte di oltre 700 pellegrini, ha dichiarato. Dalle immaginidei media sauditi e dalle testimonianze sul terreno, hasostenuto Jafari, "si vede chiaramente che il re e gli uominidel palazzo stavano ricevendo dignitari, tra cui il ministrodella Difesa ed esponenti dei Paesi del Gcc (Consiglio diCooperazione del Golfo) e per questo hanno chiuso due strade",mentre la gente si accalcava sempre di piu'. Da qui le accusealle autorita' saudite, responsabili dell'"errore" perche'"ogni volta che arriva un principe chiudono la strada senzapensare al disastro che puo' capitare". "Ci deve essereun'indagine se 717 persone hanno perso la vita perche' alcunireali volevano tirare le pietre" per la simbolica lapidazionedi Satana, ha affermato Jafari. All'indomani della tragedia, simoltiplicano gli interrogativi per capire le cause dellacarneficina, il peggiore incidente dal 1990. Come sottolinea laCnn, tra le varie cause, c'e' il poco tempo a disposizione percompiere i riti a fronte di una grande concentrazione dipersone, le temperature molto alte e i ritmi faticosi insiemeall'inesperienza e alla confusione per pellegrini che compionoper la prima volta l'haji e non sono preparati a seguire leistruzioni. La strage di pellegrini avvenuta alla Mecca congelaulteriormente i rapporti tra Riad e Teheran, che dopo averregistrato la morte di 131 connazionali ha messo in piedi unamanifestazione di protesta contro l'organizzazione sauditadell'hajj. "L'Arabia saudita e' incapace di organizzare ilpellegrinaggio", ha detto l'ayatollah Mohammad Emami Kashaniguidando la preghiera musulmana del venerdi' a Teheran. Da NewYork dove partecipa all'Assemblea generale delle Nazioni Unite,il presidente iraniano, Hassan Rohani, ha sollecitato ilgoverno di Riad ad "assumersi le responsabilita'" del disastro. .