Spento il devastante rogo Pantelleria, ingenti i danni

L'incendio era stato innescato sabato sera. In cenere 600 ettari di terreno, un decimo dell'intera superficie dell'isola

Spento il devastante rogo Pantelleria, ingenti i danni
 incendio pantelleria

Palermo- Spento il disastroso incendio che, innescato sabato sera, per giorni ha devastato Pantelleria. Lo riferisce la centrale operativa dei vigili del fuoco di Trapani. Ieri fino a tarda sera hanno operato mezzi e uomini per bonificare l'ampia zona prima di rientrare.

La perla del Mediterraneo amata dai vip 

Restano gli ingentissimi danni e l'obiettivo di ricostruire. Il sindaco Salvatore Gabriele, che ha parlato sin dall'immediatezza dei fatti di "atto criminale", ha chiesto lo stato d'emergenza per sostenere lo sforzo di ricostruzione del patrimonio ambientale. Fitti i rapporti con i governi nazionale e regionale. In cenere 600 ettari, quasi un decimo della superficie dell'isola. Il fuoco non ha risparmiato alcuni vigneti della zona di Martingana, nella zona sudorientale, coltivati a zibibbo. Stessa sorte per gran parte delle zone in cui si pratica il trekking, tra le principali attrattive per il turismo verde sull'isola.

Nessun dubbio sulla matrice dolosa del rogo su cui indaga la procura di Marsala: nella perla del Mediterraneo, protetta da una Riserva naturale orientata gestita dalla Azienda delle foreste demaniali, si punta a istituire un parco naturale nell'isola che blinderebbe definitivamente, per effetto di vincoli piu' forti, il territorio da ogni forma di speculazione. E' una delle piste seguite dagli investigatori. (AGI)