Installa sulla macchina un sistema di luci blu per evitare il traffico, denunciato 33enne

Un automobilista, residente nel barese, ha pensato di imitare il sistema luminoso analogo a quello in uso alle forze di polizia sulla sua vettura. Ma è stato "intercettato" da alcuni agenti 

simula luci blu polizia traffico denuncia
 wikipedia.org
 Polizia di Stato

"Non ti fanno passare? allora accendo i lampeggianti di servizio". È la soluzione al traffico adottata da un automobilista di 33 anni residente nel barese, che ha pensato di installare il sistema luminoso analogo a quello in uso alle forze di polizia sulla sua vettura.

All'occasione, ecco l'escamotage per dribblare i veicoli che tardavano a scansarsi dalla sua corsia, con tanto di pubblicazione della 'ingegnosa soluzione' su un forum automobilistico di una nota chat. Peccato che il video sia stato "intercettato" anche da alcuni agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Reggio Emilia, che hanno allertato gli investigatori del Compartimento Polizia Stradale per la Puglia di Bari per individuare il furbetto.

Gli agenti della Polstrada, analizzando la vettura, hanno scoperto nella calandra del radiatore due dispositivi a led intermittenti a luce blu, simili a quelli in uso alle auto civetta delle forze di polizia, perfettamente comandati al 'bisogno' da un microinterruttore sistemato in posizione nascosta sotto al piantone di sterzo della macchina. Inevitabili quindi il sequestro dell'intero apparato e la denuncia per possesso di segni distintivi della polizia per il 33enne.

La Polizia Stradale ha evidenziato che il 'trucchetto' posto in essere dal proprietario della autovettura dotata degli illeciti dispositivi, oltre a costituire reato, di fatto avrebbe messo seriamente in pericolo la circolazione stradale atteso che l'utilizzo dei citati dispositivi sono consentiti solo ai conducenti dei veicoli delle forze di polizia e soccorso pubblico e solo in presenza di particolari condizioni di emergenza compatibili al primario interesse della pubblica sicurezza.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it