Shoah: inaugurata sede Fondazione Museo Roma

(AGI) - Roma, 16 ott. - In attesa che si realizzi il progettodel 'Museo della Shoah' di Villa Torlonia, a Roma, l'omonimaFondazione ha inaugurato oggi la nuova sede di Casina deiVallati, accanto alla Sinagoga, destinata a diventare un centrodedicato alla memoria, all'attivita' scientifica e didattica ealla ricerca relative alla tragedia dell'Olocausto degli ebrei.La sede della Fondazione Museo della Shoah e' stata aperta allapresenza di Samuel Modiano e Andra Bucci, sopravvissuti aicampi di sterminio nazisti, in occasione del settantaduesimoanniversario del 16 ottobre 1943, giorno del rastrellamentonazifascista di oltre mille ebrei romani.

(AGI) - Roma, 16 ott. - In attesa che si realizzi il progettodel 'Museo della Shoah' di Villa Torlonia, a Roma, l'omonimaFondazione ha inaugurato oggi la nuova sede di Casina deiVallati, accanto alla Sinagoga, destinata a diventare un centrodedicato alla memoria, all'attivita' scientifica e didattica ealla ricerca relative alla tragedia dell'Olocausto degli ebrei.La sede della Fondazione Museo della Shoah e' stata aperta allapresenza di Samuel Modiano e Andra Bucci, sopravvissuti aicampi di sterminio nazisti, in occasione del settantaduesimoanniversario del 16 ottobre 1943, giorno del rastrellamentonazifascista di oltre mille ebrei romani. Alla cerimonia hannoanche partecipato, tra gli altri, il presidente dellaFondazione Mario Venezia, il rabbino capo di Roma Riccardo DiSegni, il presidente dell'Unione delle comunita' ebraicheitaliane Renzo Gattegna, la presidente della comunita' ebraicaromana Ruth Dureghello, l'assessore regionale alla CulturaLidia Ravera e l'assessore capitolino alla Scuola Marco RossiDoria. "La fondazione ha gia' accumulato una patrimonio di7.000 volumi e 5.000 titoli video, di cui solo una minima partepotranno essere ospitati in questo luogo", ha spiegato Veneziaprecisando quindi che, in attesa del museo vero e proprio,"questo e' l'inizio di un percorso che ci portera' a svolgereattivita' in favore del pubblico, mettendo a disposizione diricercatori e studenti una parte del nostro materiale". Attivita' partite questa stessa mattina con lo svolgimento diun Corso nazionale di formazione alla storia e didattica dellaShoah, organizzato in collaborazione con il Miur, dedicato a unristretto numero di insegnanti di Roma e del Lazio e ad alcuneguide italofone austriache che si occupano del tema. "Un'opera di formazione importantissima", l'ha definitaGattegna, perche' "coinvolge le guide che poi dovrannoillustrare, durante le visite ai campi di sterminio, la storiadi quegli anni terribili". Parlando anche a nome di altrisopravvisuti, Sami Modiano ha ribadito la speranza coltivatanegli anni, che "anche qui a Roma ci fosse un Museo dellaShoah: quello che speravamo ora si sta realizzando, come e'gia' accaduto in altre parti del mondo, e questa per noi e' unagrandissima soddisfazione anche se forse non riusciremo avedere quel museo". La Fondazione intende comunque completareal piu' presto l'allestimento della Casina dei Vallati,concessa in uso dal Comune di Roma come sorta di sedetemporanea del Museo della Shoah. Ma quest'ultimo "varealizzato in tempi brevi - avverte la presidente Dureghello -affinche' si possa proseguire con completezza quel lavoro ditrasmissione della memoria che oggi iniziamo in questa sede".(AGI)