Sequestrati 15 quintali di botti nel Napoletano, 6 arresti

Sequestrati 15 quintali di botti nel Napoletano, 6 arresti

Napoli - Controlli a tappeto nel Napoletano contro il commercio e l'utilizzo di 'botti' illegali a Capodanno. La polizia a Napoli ha sequestrato oggi 15 quintali di fuochi pericolosi, arrestando una persona. Luigi Cozzolino, 55 anni, deve rispondere di detenzione di artifici pirotecnici e manufatti illegali. In alcuni locali di via Cupa Gerolomini nella sua disponibilita'; in un primo locale gli agenti hanno rinvenuto 54 pacchi in cartone con una massa attiva di 150 chili, e in un secondo sono stati scoperti altri prodotti con una massa attiva di 148 chili. In totale gli agenti hanno sequestrato circa 15 quintali (300 chili sono di massa attiva) di 'botti'. Sequestrato altro materiale pirotecnico in due bancarelle lasciate incustodite.

Guarda il video

La prima in via Zara, con 15 pistole sparacoriandoli, uno scatolo di mini ciccioli, uno scatolo di miccette e uno di 'new boom'. La seconda in via Al Chiaro di Luna con 5 scatole di palle magiche, uno di candele magiche e 15 di 'pop pop snapper'. I carabinieri poi hanno arrestato 5 persone nell'area vesuviana, sequestrando anche qui diversi quintali di materiale esplodente. A Ercolano, denunciato un 33enne napoletano sorpreso con 400 ordigni artigianali denominati a diabolika, per un peso complessivo di 25 chili, piu' altri 3 chili di fuochi proibiti che portava in auto forse per una consegna a domicilio. Sempre a Ercolano arrestati Gaetano Vicino, 42enne già noto alle forze dell'ordine, Giuseppe Vicino, 21enne pure con precedenti, Alessandro Ciotola, 31enne, e Francesco Ciotola, 36enne, per detenzione illegale di materiale esplosivo. In due circostanze diverse sono state sono stati fermati e perquisiti a bordo delle rispettive auto nelle quali trasportavano 1000 ordigni per 50 chili. A Volla, denunciato un 50enne gia' noto che nel garage aveva 20 chili di fuochi pirici di IV e V categoria. A Torre del Greco, denunciato un 28enne gia' noto nella cui casa c'erano circa 15 chili (ossia 600) di artifizi di preparazione artigianale. (AGI) 

(29 dicembre 2015)