Sciopero: azioni e blitz degli studenti, oltre 50 cortei

(AGI) - Roma, 12 dic. - Oggi gli studenti tornano amobilitarsi: oltre 50 cortei mattutini ma anche street parade einiziative di dibattito serali. Tra ieri sera e stamattina sonostate fatte diverse azioni di lancio della giornata dellosciopero generale in molte citta', davanti al ministerodell'Economia a Roma e nel resto delle citta', da Bologna ePisa fino ad Acerra e Foggia davanti a enti regionali per ildiritto allo studio, agenzie interinali, sedi Inps, UfficiScolastici Regionali. Non sono mancati - riferiscono glistudenti - blitz anche "all'interno dei luoghi del lavoro innero, nei bar,

(AGI) - Roma, 12 dic. - Oggi gli studenti tornano amobilitarsi: oltre 50 cortei mattutini ma anche street parade einiziative di dibattito serali. Tra ieri sera e stamattina sonostate fatte diverse azioni di lancio della giornata dellosciopero generale in molte citta', davanti al ministerodell'Economia a Roma e nel resto delle citta', da Bologna ePisa fino ad Acerra e Foggia davanti a enti regionali per ildiritto allo studio, agenzie interinali, sedi Inps, UfficiScolastici Regionali. Non sono mancati - riferiscono glistudenti - blitz anche "all'interno dei luoghi del lavoro innero, nei bar, nei negozi del centro delle citta' da partedegli studenti travestiti da Babbo Natale per consegnaresarcasticamente il 'pacco' del Jobs Act". "Protestiamo contro le riforme neoliberiste e recessive delGoverno Renzi e non accettiamo che vengano approvate in nostronome, non in nome delle studentesse e degli studenti, non innome della generazione precaria - dichiara Riccardo Laterza,portavoce nazionale della Rete della Conoscenza - cortei einiziative lungo tutto l'arco delle 24 ore con i lavoratori, igiovani e i precari per dare voce alle istanze di cambiamentoreali che vengono dai percorsi di partecipazione che dallamobilitazione del 10 Ottobre ad oggi si sono attivati.L'abolizione delle forme di contratto precarie, misure diwelfare realmente universali e investimenti nell'istruzionepubblica e aperta a tutti rimangono l'unica vera priorita' e ilgoverno la sta colpevolmente eludendo". Gli fa eco AlbertoCampailla, portavoce nazionale di Link CoordinamentoUniversitario: "Con i tagli della legge di Stabilita' e delloSblocca Italia si attaccano per l'ennesima volta l'universita'pubblica e la ricerca. L'approvazione a colpi di fiducia delJobs Act e' un colpo pesante non soltanto per i movimentisociali e le forze sindacali ma la qualita' della democrazia eil futuro della nostra generazione. Si riparta dal diritto allostudio e dal garantire le prospettive dei giovani estendendodiritti e tutele". (AGI).