Sarah: prima udienza del processo di Appello, la prossima il 21

(AGI) - Taranto - Prima udienza del processo in Corted'Appello a Taranto per l'omicidio della quindicenne diAvetrana Sarah Scazzi, all'insegna della  [...]

(AGI) - Taranto, 14 nov. - Prima udienza del processo in Corted'Appello a Taranto per l'omicidio della quindicenne diAvetrana Sarah Scazzi, all'insegna della battaglia legale daparte dei difensori di Michele Misseri e di Sabrina Misseri,rispettivamente padre e figlia ma anche zio e cugina di Sarah.Ma e' stata anche l'udienza - ad un anno e mezzo dalla sentenzadella Corte d'Assise che ha condannato Sabrina e la madre,Cosima Serrano, all'ergastolo - in cui la Procura generalerappresentata dal sostituto Antonella Montanaro ha chiesto lasospensione dei termini di custodia cautelare sia per Sabrinache per la madre. Questo perche', se il giudizio di appello nondovesse concludersi in tempi brevi, a gennaio 2015 le due donneuscirebbero dal carcere e attenderebbero da libere laconclusione del procedimento. La richiesta di sospensione deitermini per Sabrina e Cosima e' stata contestata dalla difesadelle due donne, la quale ha ricordato come la sentenza dicondanna all'ergastolo sia stata pronunciata ad aprile 2013 male motivazioni sono arrivate oltre un anno dopo. Piuttosto, ladifesa di Sabrina - in aula l'avvocato Franco Coppi - ha moltoinsistito su un punto: sia riascoltato Michele Misseri. Ilcontadino di Avetrana che sulle prime, nell'autunno del 2012,si e' autoaccusato del delitto, ha fatto anche ritrovare ilcadavere di Sarah in un pozzo cisterna ubicato in una campagnadi sua proprieta' tra le province Taranto e Lecce, poi haaccusato la figlia Sabrina, infine e' tornato ad autoaccusarsi.In particolare Coppi ha chiesto che sia riascoltata unatelefonata tra Sabrina e il padre del 6 ottobre 2012 nellaquale quest'ultimo confessa il delitto, mentre l'avvocato diMichele Misseri ha chiesto una perizia psichiatrica per il suoassistito. Per la difesa di Sabrina, Michele e' dunque lapersona che ha ha ucciso la quindicenne Sarah. Per la difesadella famiglia Scazzi, invece, il riascolto in aula sarebberivedere "la recita del trasformista e siamo disgustati divedere o sentire Michele Misseri riproporre ancora una voltauna sceneggiata". A tal proposito, la difesa della famigliaScazzi ha ricordato proprio le frasi di quanto Michele haincolpato la figlia Sabrina, dicendo di essersi tolto un peso eche ognuno doveva assumersi le proprie responsabilita'. Ladifesa di Cosima Serrano, dal canto suo, ha chiesto unsopralluogo a casa Misseri visto che il delitto - come assodatodalla Corte d'Assise - e' avvenuto nell'abitazione di Avetranae non nel garage. Sull'insieme delle richieste avanzate oggi,ovvero dal riascolto di Michele Misseri alla sospensione deitermini di custodia per le due donne condannate all'ergastoloin primo grado, la Corte d'Appello si e' riservata unadecisione. La prossima udienza e' stata fissata per il 21novembre. (AGI)