Sarah: chiesta conferma ergastolo per Cosima e Sabrina Misseri

(AGI) - Taranto- La conferma dell'ergastolo inflittoin primo grado a Cosima Serrano e Sabrina Misseri, madre efiglia, per l'omicidio della  

(AGI) - Taranto, 12 giu. - La conferma dell'ergastolo inflittoin primo grado a Cosima Serrano e Sabrina Misseri, madre efiglia, per l'omicidio della dell'allora quindicenne SarahScazzi avvenuto ad Avetrana (Ta) il 26 agosto del 2010, e'stata chiesta oggi dal pg Antonella Montanaro nella suarequisitoria davanti alla corte d'appello di Taranto. Per ilpg, dunque, Sabrina e Cosima sono le autrici materiali deldelitto mentre Michele Misseri, padre di Sabrina e marito diCosima, avrebbe solo trasportato il corpo senza vita dellaragazza dall'abitazione di Avetrana in campagna dove poi furitrovato in un pozzo cisterna il 7 ottobre del 2012. "Una latratteneva e l'altra la strangolava" ha detto il pg indicandoil ruolo avuto dalle due donne. La tesi che l'accusa hasostenuto in primo grado viene quindi confermata anche inappello e non lascia alcun spazio a quanto rivendicato daMichele Misseri che mesi fa e' tornato a riattribuirsi ildelitto. Il movente del delitto resta la gelosia che Sabrinanutriva verso la cugina. Entrambe le ragazze, infatti, eranolegate ad un giovane di Avetrana, Ivano Russo, e Sabrinasoffriva - ha rammentato il pg nella requisitoria - non soloper il suo aspetto fisico rispetto a quello di Sarah, ma ancheper il fatto che le sue attenzioni verso Ivano non eranocorrisposte. L'uccisione di Sarah non e' stata premeditata, hadetto ancora il pg, ma frutto di impeto, di un contrasto tra ledue ragazze che era andato progressivamente maturando. E cheaveva coinvolto anche le due famiglie: Cosima e la madre diSarah, Concetta, sono infatti sorelle. All'udienza di oggi sonopresenti Michele e Sabrina Misseri, la quale, prima che il pgMontanaro parlasse, ha reso dichiarazioni spontanee, dicendo diessere molto addolorata per il fatto che si pensi che lei abbiapotuto uccidere la cugina. Sabrina Misseri ha poi interrottotra le lacrime la sua breve deposizione. Dopo la requisitoria,prossima udienza dedicata alla discussione della difesa mentrela sentenza e' attesa per gli inizi di luglio.(AGI).