Sanita': pronto soccorso in tilt, sit-in medici davanti ospedali

(AGI) - Roma, 23 gen. - Medici e infermieri protestano davantiagli ospedali di tutta Italia per il caos nei pronto soccorso."Oggi abbiamo lanciato un allarme rosso - spiega Massimo Cozza,segretario Fp Cgil Medici - con sit in e flash mob davanti aipronto soccorso a Milano, Torino, Bologna, Firenze, Roma,Napoli, Bari e Siracusa. Medici e infermieri sono colpiti daicontinui tagli alla sanita' (31 miliardi dal 2011 ad oggi conla scure di ulteriori due miliardi nel 2015 per la legge distabilita' del Governo Renzi) sempre di meno (-23.500operatori, di cui 5mila medici solo

(AGI) - Roma, 23 gen. - Medici e infermieri protestano davantiagli ospedali di tutta Italia per il caos nei pronto soccorso."Oggi abbiamo lanciato un allarme rosso - spiega Massimo Cozza,segretario Fp Cgil Medici - con sit in e flash mob davanti aipronto soccorso a Milano, Torino, Bologna, Firenze, Roma,Napoli, Bari e Siracusa. Medici e infermieri sono colpiti daicontinui tagli alla sanita' (31 miliardi dal 2011 ad oggi conla scure di ulteriori due miliardi nel 2015 per la legge distabilita' del Governo Renzi) sempre di meno (-23.500operatori, di cui 5mila medici solo tra il 2009 e il 2013) econ tanti precari (32mila), feriti professionalmente da 6 annisenza contratto, con turni sempre piu' pesanti e senza riposiadeguati come sanzionato dall'Europa. Si lavora al Prontosoccorso - prosegue Cozza - senza avere i posti letto necessariper i ricoveri, con i cittadini costretti a recarsi negliospedali per mancanza di alternative vere sul territorio, e percercare di evitare di pagare i ticket, non piu' sopportabili intempi di crisi. A fronte di circa 65mila italiani che ognigiorno accedono al pronto soccorso circa un terzo non neavrebbe bisogno". .