Ruby: Fadil morta per un mix di sostanze radioattive

Ruby Fadil 
Olivier Morin / Afp
Imane Fadil, teste chiave nel processo Ruby

Imane Fadil, la teste chiave del processo Ruby deceduta il primo marzo scorso, è morta per un mix di sostanze radioattive". Lo confermano all'Agi fonti vicine all'inchiesta. La morte per "un mix di sostanze radioattive" è certificata dagli esami tossicologici trasmessi dall'ospedale Humanitas in Procura il 6 marzo scorso, cinque giorni dopo la morte della donna. I pm indagano per omicidio volontario sul decesso della teste chiave dei processi Ruby, morta dopo un mese di agonia durante la quale è rimasta "lucida e vigile" quasi fino alla fine.

Fonti della Procura di Milano non confermano che Imane Fadil sarebbe morta per "un mix di sostanze radioattive". Altre fonti qualificate riferiscono che a uccidere la donna sarebbe stato un mix di sostanze radioattive che non si trovano in commercio, in quantità tale da escludere una contaminazione accidentale.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.