Responsabilita' toghe: Legnini, preoccupazioni vanno ascoltate

(AGI) - Roma, 25 feb. - "Le preoccupazioni della magistraturavanno ascoltate". Lo ha dichiarato il vice presidente del Csm,Giovanni Legnini, interpellato sulla nuova legge in materia diresponsabilita' civile dei magistrati. "Che cosa pensa il Csm su questa legge lo abbiamo detto pertempo, a fine ottobre - ha ricordato Legnini - quando abbiamoespresso un parere molto strutturato e approfondito" nel quale"erano evidenziati due punti, che sono rimasti quelli oggetto -sottolinea il numero due di palazzo dei Marescialli - diconfronto piu' acceso in parlamento", quali "il giudiziopreliminare sulla manifesta infondatezza e il travisamento

(AGI) - Roma, 25 feb. - "Le preoccupazioni della magistraturavanno ascoltate". Lo ha dichiarato il vice presidente del Csm,Giovanni Legnini, interpellato sulla nuova legge in materia diresponsabilita' civile dei magistrati. "Che cosa pensa il Csm su questa legge lo abbiamo detto pertempo, a fine ottobre - ha ricordato Legnini - quando abbiamoespresso un parere molto strutturato e approfondito" nel quale"erano evidenziati due punti, che sono rimasti quelli oggetto -sottolinea il numero due di palazzo dei Marescialli - diconfronto piu' acceso in parlamento", quali "il giudiziopreliminare sulla manifesta infondatezza e il travisamento delfatto". Questi problemi "restano aperti" ha concluso Legnini. "E' mia intenzione di proporre al Consiglio e allo stessoministro di fare una verifica attenta", sottolinea Legnini."Noi come Csm ci candidiamo a monitorare - ha aggiunto - averificare l'attuazione della nuova disciplina, al fine diaccertare, gia' nella prima fase di applicazione, seeffettivamente, come temiamo, ci sia un eccesso di ricorso adazioni risarcitorie, e se l'indipendenza, l'autonomia e laserenita' dei magistrati siano in qualche modo incisi da questanorma". (AGI).