Red Ronnie si difende sui vaccini, "strumentalizzato"

Il dj su Raidue aveva definito "demenziale" l'obbligo di vaccinare i bambini. Diluvio di critiche su Facebook

Red Ronnie si difende sui vaccini, "strumentalizzato"
 Red Ronnie - fb

Roma - Non si placano le polemiche per l'intervento di Red Ronnie a Virus, su Raidue, nel quale il conduttore e dj si e' scagliato contro i vaccini defiendo "demenziale" l'obbligo di vaccinare i bambini. Lo stesso Red Ronnie ha scritto su Facebook sottolineando che "visto che aumentano le polemiche ho deciso di declinare tutte le richieste interviste da parte di Tg, giornali o radio. Questo per non essere ulteriormente strumentalizzato". In ogni caso, visto che "sono costretto a affrontare l'argomento", scrive, "lo faro' stasera alle 20.30", in diretta sul suo sito. La presa di posizione del conduttore non e' piaciuta alla maggior parte dei frequentatori della sua bacheca di Facebook: "Se liberta' vuol dire sentirsi liberi di dire qualunque cosa passi per la testa, anche in medicina, allora si diventa pericolosi", scrive Dino. "Chiedi scusa e dì chiaramente l'unica cosa che ti resta da dire: sui vaccini ho detto una minchiata, prometto che non parlerò più di cose che no conosco", aggiunge Riccardo. "Spero che lei venga denunciato", attacca Roberto. E c'è chi propone addirittura di riunirsi con questo fine: "Azione legale contro Red Ronnie... Pagina Facebook" annuncia Marcello. C'e' anche chi, pochi, difendono le posizioni "anti-vaccino": "Invece di fare qui commenti vergognosi - attacca Sabrina - Perche' non sprecate il vostro tempo sulla pagina di quella incompetente della Lorenzin... I soliti italioti!". A chiudere la contesa ci pensa Giacomo, lapidario: "Occupati di musica caro Red. Non ci si improvvisa cantanti, nè dj, ma se permetti nemmeno immunologi. Ed e' brutto perdere ottime occasioni per starsene zitti". (AGI)