Rapine a Milano: tre arresti, coinvolta banda di 'latinos'

(AGI) - Milano, 3 lug. - Gli agenti del commissariato Ticinesedi Milano hanno arrestato tre giovani, di cui uno minorenne,tutti di nazionalita' ecuadoriana, che l'11 febbraio scorsomisero a segno a pochi minuti di distanza due rapine. Nel primocaso i tre avvicinarono un ragazzo in via Renzo e Lucia, zonaNavigli, lo picchiarono e gli strapparono il cellulare. Laseconda vittima e' una studentessa universitaria alla qualefurono strappate borsetta e portafogli. Uno dei tre arrestati,un ventenne, e' un affiliato della gang latino-americana"Trebol". Ulteriori particolari saranno forniti nel corso dellaconferenza stampa che si terra'

(AGI) - Milano, 3 lug. - Gli agenti del commissariato Ticinesedi Milano hanno arrestato tre giovani, di cui uno minorenne,tutti di nazionalita' ecuadoriana, che l'11 febbraio scorsomisero a segno a pochi minuti di distanza due rapine. Nel primocaso i tre avvicinarono un ragazzo in via Renzo e Lucia, zonaNavigli, lo picchiarono e gli strapparono il cellulare. Laseconda vittima e' una studentessa universitaria alla qualefurono strappate borsetta e portafogli. Uno dei tre arrestati,un ventenne, e' un affiliato della gang latino-americana"Trebol". Ulteriori particolari saranno forniti nel corso dellaconferenza stampa che si terra' alle 11 presso la Sala Stampadella Questura di Milano. I tre arrestati sono Gilson Yair Mina Quinonez, 19 anni,Jean Pierre Sotamba Acosta, 19 anni, e un 17enne le cuiiniziali sono G.V.M.. Lo scorso 11 febbraio il terzetto hamesso a segno quattro rapine nel giro di 40 minuti, adoperandosempre lo stesso metodo: i tre ragazzi accerchiavano lavittima, le puntavano un coltello alla gola, la colpivano conun pugno al naso, e le strappavano via tutto quello che aveva.Cosi', tra le 19.50 e le 20.20 di quel giorno di febbraio benquattro persone sono state ferite e rapinate. La questione piu' inquietante, pero', resta il movente: itre erano stati espulsi dalla gang 'Trebol' ('Trifoglio'), unadelle piu' violente della galassia delle bande di strada di'latinos', e volevano essere riammessi commettendo reati acaso. Gilson, in particolare, arrestato subito dopo l'ultimarapina, mentre i suoi complici sono stati bloccati nei giorniscorsi, viene descritto come un soggetto violento e sbandato,che durante la sua permanenza al carcere minorile CesareBeccaria si era guadagnato un'accusa di tentato omicidio dopoaver ferito a colpi di lametta l'appartenente a una gangrivale. (AGI).