Pordenone: spunta la pista passionale dietro l'omicidio della giovane coppia

(AGI) - Pordenone. - Non un raptus improvviso di unbalordo, ma una esecuzione da parte di un killer freddo espietato, che  [...]

(AGI) - Pordenone, 18 mar. - Non un raptus improvviso di unbalordo, ma una esecuzione da parte di un killer freddo espietato, che ha messo in atto un'azione premeditata. Lo diconogli inquirenti. E quando e' entrato in azione non ha esito: hasparato a bruciapelo uccidendo i due giovani che non hannopotuto neppure rendersi conto di quello che stava accadendo: inloro non c'e' stata infatti alcuna reazione, forse nemmeno lapercezione che le loro vite stavano per finire. Tutto si e'svolto in un battibaleno, nel buio piu' assoluto al cospetto ditelecamere che inquadravano solamente i marciapiedi e non pocopiu' in la', sul parcheggio del palazzetto dello sport, doveerano appena saliti in macchina Teresa Costanza che si eraposta al volante e l'uomo che amava Trifone Ragone. Ora spettaagli inquirenti dare un volto all'assassino della coppia, unlavoro difficile improbo che ha avuto avvio quasi subito dopoil tragico episodio, quando cioe' non e' stata trovata l'armadel delitto che in un primo momento era stato scambiato per unomicidio-suicidio. Le piste battute dagli uomini del Comandoprovinciale dei Carabinieri per scoprire la mano che ha premutoil grilletto sui due giovani sono quelle - come e' stato detto- che non lasciano nulla di intentato, insomma ruotano a 360gradi. E non viene esclusa neppure la pista passionale, cioe'di una persona innamorata, che ha ucciso perche' respinta. Eccoanche questo potrebbe essere il movente, considerato che siaTeresa sia il suo compagno Trifone non erano persone chepassavano di certo inosservati, come dimostrano le attestazioniottenute in vari concorsi di bellezza. Neppure i loro parenti,giunti in Friuli dalla Puglia e dalla Sicilia, riescono a darsipace, sono disperati e increduli. Oggi intanto nella casermadell'Arma sono sfilati colleghi di lavoro, atleti, dirigentidella squadra di pesistica e amici. Sono stati sentiti senzapero' che nessuno abbia potuto fornire elementi utiliall'indagine. Al vaglio anche tabulati telefonici, email esocial network. L'autopsia sui corpi e' in programma pervenerdi', mentre oggi e' stata eseguita una Tac cranica che hafornito i primi riscontri balistici: l'uomo e' stato colpito datre proiettili, la sua compagna da due, tutti partiti da unapistola calibro 7.65. Un duplice omicidio che ha lasciatosgomenta l'intera citta' di Pordenone. (AGI)