Pompei: Unesco promuove l'Italia "Miglioramenti significativi"

(AGI) - Roma - "Ci sono miglioramenti tangibili esignificativi nello stato di conservazione di Pompei. L'Italiaha compiuto sforzi considerevoli nell'adottare le  [...]

(AGI) - Roma, 5 mar. - "Ci sono miglioramenti tangibili esignificativi nello stato di conservazione di Pompei. L'Italiaha compiuto sforzi considerevoli nell'adottare leraccomandazioni dell'Unesco World Heritage Committee". Cosi' silegge nel rapporto degli ispettori Unesco sugli scavi diPompei. Un documento che sostanzialmente promuove l'azione delgoverno, della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologicidi Pompei, Ercolano e Stabia e della Direzione Generale GrandeProgetto Pompei e raccomanda l'estensione temporale del GrandeProgetto almeno al 2016 per garantire migliori standard dilavoro e supervisione. "Soprattutto e' chiaro - si legge ancora- che si e' dato il via a gran parte delle iniziativeannunciate. Sono state eseguite sostanziali opere di restaurosul sito, principalmente nel contesto del Grande ProgettoPompei ma anche nell'ambito del programma di manutenzioneordinario. Ci sono lavori in corso in nove delle tredici domusidentificate a rischio nel 2013. Invitalia e Ales, entrambiaziende sostenute dal Gsostenutgoverno, hanno fornitorispettivamente risorse professionali aggiuntive e ulteriorepersonale di custodia. La gestione del sito - si legge in un altro passaggio delrapporto - e' stata riorganizzata creando una specialeSoprintendenza autonoma per Pompei, Ercolano e Stabia. Cio'significa che gli sforzi possono essere concentrati suimonumenti vesuviani, senza dover avere a che fare con il museonazionale di Napoli e tutti gli altri siti archeologici dellaprovincia di Napoli. La missione - prosegue il rapporto - hasalutato positivamente questi progressi e considera superataogni questione riguardo l'iscrizione del sito nella lista delpatrimonio mondiale in pericolo. La missione - riporta ancorail documento - ha constatato nei quattro giorni di attentavisita un cambiamento profondo nel comportamento della nuovaSoprintendenza di Pompei. Abbiamo verificato che quest'anno hapreso il via un'attivita' sia efficace che saggiamenteprogrammata in molti luoghi del sito bisognosi di un rapidointervento. Queste realizzazioni dimostrano chiaramente cheallorquando si stabilisce correttamente la programmazione, ilbilancio e' gestito con efficacia e il personale qualificato e'disponibile i lavori di restauro e di valorizzazione di unadomus, per quanto sia danneggiata, divengono possibili in deitempi ragionevoli". .