Pasolini: nuova verita' di Pelosi, c'erano altre due macchine

(AGI) - Roma, 1 dic. - "Quella notte all'Idroscalo di Ostiac'erano tre automobili, una motocicletta e almeno sei persone.Oltre all'Alfa Gt di Pierpaolo Pasolini, erano presenti unaFiat 1300 e un'altra vettura identica a quella delloscrittore". Giuseppe Pelosi, detto Pino la rana, unicocondannato per il delitto del 2 novembre del 1975, e' tornato aparlare della morte di Pasolini davanti al pm Francesco Miniscifornendo, per l'ennesima volta, una diversa verita'. Per annisi e' autoaccusato del delitto, poi a partire dal 2005, ospitein una trasmissione tv, ha ritrattato tutto e ha chiamato incausa

(AGI) - Roma, 1 dic. - "Quella notte all'Idroscalo di Ostiac'erano tre automobili, una motocicletta e almeno sei persone.Oltre all'Alfa Gt di Pierpaolo Pasolini, erano presenti unaFiat 1300 e un'altra vettura identica a quella delloscrittore". Giuseppe Pelosi, detto Pino la rana, unicocondannato per il delitto del 2 novembre del 1975, e' tornato aparlare della morte di Pasolini davanti al pm Francesco Miniscifornendo, per l'ennesima volta, una diversa verita'. Per annisi e' autoaccusato del delitto, poi a partire dal 2005, ospitein una trasmissione tv, ha ritrattato tutto e ha chiamato incausa tre persone sostenendo di non poter fare i loro nomi soloper timore di vendette e ritorsioni. Oggi, dopo aver spiegatoal magistrato che "la sua conoscenza con Pasolini era vecchiadi qualche mese", Pelosi ha sostenuto di ritenere con qualchedubbio che "sulla motocicletta ci fossero i fratelliBorsellino: non ne sono certo ma li avevo visti seguirci lungotutto il tragitto dalla stazione Termini". "Era buio pesto - ha detto ancora Pelosi, raccontandoquello che sarebbe successo all'Idroscalo - e ho visto soltantoi mezzi arrivare sul posto. Poi due persone hanno presoPasolini e lo hanno trascinato fuori dall'auto. Io sonoscappato e mi sono allontanato e sentivo Pierpaolo gridare echiedere aiuto". Pino la Rana ha poi scagionato GiuseppeMastini, piu' conosciuto come Johnny lo zingaro: "Lui nonc'entra nulla con la morte di Pasolini". "In questi anni Pelosi - ha spiegato il suo difensore,l'avvocato Alessandro Olivieri - ha sempre cercato didimenticare. Solo di recente ha deciso di aprirsi e raccontareuna volta per tutte qualcosa di quella vicenda che lo hamarchiato a vita. Sono sicuro che la procura riuscira' a darepresto una svolta alle indagini e ad affrancare Pelosi da unomicidio mai commesso". (AGI).