Papa: dialogo a distanza Gutierrez-Galantino su valore poveri

(AGI) - CdV, 23 nov. - Il grande impulso verso il rinnovamentoche Papa Francesco ha impresso alla Chiesa Italiana con lanomina come segretario generale della Cei di Nunzio Galantino,un vescovo di periferia vicinissimo a don Luigi Ciotti e allerealta' di condivisione e riscatto da lui fondate, il GruppoAbele e Libera, comincia a dare i suoi frutti. Cosi' si e'realizzato in questi giorni un dialogo a distanza tra lo stessoGalantino e il teologo della liberazione Gustavo Gutierrez,ospite il primo del festival della Dottrina Sociale di Verona eil secondo del Convegno Missionario Nazionale

(AGI) - CdV, 23 nov. - Il grande impulso verso il rinnovamentoche Papa Francesco ha impresso alla Chiesa Italiana con lanomina come segretario generale della Cei di Nunzio Galantino,un vescovo di periferia vicinissimo a don Luigi Ciotti e allerealta' di condivisione e riscatto da lui fondate, il GruppoAbele e Libera, comincia a dare i suoi frutti. Cosi' si e'realizzato in questi giorni un dialogo a distanza tra lo stessoGalantino e il teologo della liberazione Gustavo Gutierrez,ospite il primo del festival della Dottrina Sociale di Verona eil secondo del Convegno Missionario Nazionale di Sacrofano, cheha fatto il punto sulla capacita' di "uscire" della ChiesaItaliana seguendo il mandato di Papa Francesco che ieri mattinalo ha ripetuto di persona agli 800 delegati delle diocesi. Monsignor Galantino ha ripresole parole del messaggio di PapaFrancesco rivolto al Festival dicendo: "Oggi consideriamopurtroppo le persone come destinatari dei soldi, il Papa invececi ha detto che dobbiamo stare attenti perche' la persona vavalorizzata come risorsa e non solo come destinatario diqualche beneficio. Il Papa ci dice che va valorizzato appienocio' che la persona porta con se'. Stiamo perdendo di vista ilprimo grande tesoro che e' la ricchezza della persona umana". "La poverta' - gli ha fatto eco Gutierrez al Convegno diMissio - non e' una fatalita, non e' ineluttabile". Il teologoperuviano ha scaldato gli animi dei presenti parlando di comeaffrontare "una lotta alla poverta' che sia anzitutto unabattaglia culturale". Esiste, h aspiegato, "un dolonell'alimentare il fenomeno della poverta' che puo' esserecombattuta solo risalendo alle sue cause: e dunque noi possiamocontribuire a metterla al bando". Esiste pero' "un secondo tipodi poverta', stavolta con accezione enormemente positiva, chee' quella spirituale. Dunque la spiritualita' della teologia ela lotta, nel quotidiano, per l'affermazione dei diritti ditutti sono due elementi inscindibili". (AGI).