Omicidio Meredith: pg Cassazione, confermare condanne

(AGI) - Roma, 25 mar. - Amanda Knox e Raffaele Sollecito,condannati nell'appello-bis per l'omicidio di Meredith Kercherrispettivamente a 28 anni e mezzo e a 25 anni di reclusione,dovranno attendere ancora due giorni prima di conoscere ilproprio destino giudiziario. Venerdi 27, infatti, la quintasezione penale della corte di Cassazione, concluse le arringhedei difensori di Sollecito, si ritirera' in camera di consiglioper la sentenza sulla morte della ragazza americana, avvenuta aPerugia la notte tra il primo e il 2 novembre del 2007. Questamattina il sostituto procuratore generale Mario Pinelli hachiesto di confermare

(AGI) - Roma, 25 mar. - Amanda Knox e Raffaele Sollecito,condannati nell'appello-bis per l'omicidio di Meredith Kercherrispettivamente a 28 anni e mezzo e a 25 anni di reclusione,dovranno attendere ancora due giorni prima di conoscere ilproprio destino giudiziario. Venerdi 27, infatti, la quintasezione penale della corte di Cassazione, concluse le arringhedei difensori di Sollecito, si ritirera' in camera di consiglioper la sentenza sulla morte della ragazza americana, avvenuta aPerugia la notte tra il primo e il 2 novembre del 2007. Questamattina il sostituto procuratore generale Mario Pinelli hachiesto di confermare quanto deciso il 30 gennaio 2014 dallacorte d'assise di appello di Firenze. Il pg si e' limitato a sollecitare, per gli ex fidanzati,uno sconto di tre mesi perche' un reato minore (il portoingiustificato di armi in relazione al coltello che da casaSollecito sarebbe stato portato nell'appartamento di via dellaPergola dove avvenne il delitto) e' ormai prescritto: dunque,28 anni e 3 mesi per Amanda e 24 anni e 9 mesi per Raffaele.Secondo il rappresentante della pubblica accusa "tutte lefigure di questo delitto risultano inserite in una costruzioneperfetta, senza sbavature. Il quadro delineato dai giudici diFirenze e' tale da resistere ad ogni censura. I giudici delrinvio (che si sono pronunciati per la colpevolezza dei dueimputati dopo che l'anno prima la Suprema Corte aveva annullatole assoluzioni decise a Perugia, spedendo cosi' il processo aFirenze, ndr) hanno fatto buon governo delle indicazioni dellaCassazione, con motivazioni estremamente corrette, elaborando isingoli elementi dei fatti". Il pg ha anche citato Henri Cartier-Bresson, parlandodell'"attimo decisivo" in cui un fotografo ferma nellapellicola l'immagine giusta, con la giusta posizione di tutticoloro che sono collocati sulla scena". Di diverso avviso,invece, la difesa di Amanda Knox che da Seattle sta seguendogli sviluppi del processo: la sentenza dell'appello-bis "e'sbagliata. Siamo di fronte a un gravissimo errore giudiziarioche deve essere sanato". Cosi' l'avvocato Carlo Dalla Vedova,che assiste la Knox assieme al collega Luciano Ghirga, hachiesto ai giudici della Cassazione di annullare il verdettofiorentino. La difesa ha insistito per l'innocenza di Amanda ela colpevolezza del solo Rudy Guede, gia' condannato in viadefinitiva a 16 anni di carcere con rito abbreviato. "Sulcuscino sono state trovate le impronte delle sue maniinsanguinate - ha rilevato l'avvocato, parlando dell'ivoriano -e' la firma dell'omicida". Dalla Vedova ha osservato che nellaricostruzione effettuata dalla corte d'assise d'appello diFirenze "non ci sono certezze" e che "molti elementi sonodiscutibili". Riguardo al movente, il legale ha ribadito che vi e'"assoluta illogicita'" e che da parte dei giudici "vi e' statauna ricostruzione continua di motivazioni per coprire voragininell'impianto accusatorio". Secondo la difesa della Knox, dagliatti non e' emersa "alcuna traccia della presunta inimicizia"tra Amanda e Meredith. Quanto alla prova scientifica, "non sonostati raggiunti i requisiti che la Cassazione aveva richiestonel processo celebrato nel 2013, e gli elementi sono rimasti'non certi'". La conclusione del penalista e' che "nulla pone Amanda sulluogo del delitto, siamo di fronte ad elementi tratti da unambiente che era la casa in cui la ragazza viveva. Questa none' giustizia ma un travisamento dei fatti". Venerdi' tocchera'ai difensori di Sollecito, che ha seguito l'udienza odierna incompagnia della famiglia e della nuova fidanzata, a pocadistanza dal congolese Patrick Lumumba, accusato di esserel'assassino da Amanda la cui calunnia le e' costata unacondanna a tre anni. In caso di colpevolezza definitiva dei dueex fidanzati, Sollecito sara' l'unico che paghera' con ilcarcere. Per l'Italia sara' veramente difficile ottenerel'estradizione della Knox, tornata nel suo Paese dopo lasentenza di assoluzione. (AGI).