No alla liberta' per Concutelli "non si e' ravveduto"

(AGI) - Roma - No alla liberazione condizionale diPierluigi Concutelli. Lo ha deciso la prima sezione penaledella Cassazione, dichiarando inammissibile il  

(AGI) - Roma, 13 ott. - No alla liberazione condizionale diPierluigi Concutelli. Lo ha deciso la prima sezione penaledella Cassazione, dichiarando inammissibile il ricorsopresentato dall'ex terrorista di estrema destra, capo neglianni Settanta di Ordine nuovo, condannato all'ergastolo perdiversi reati, tra cui l'omicidio del giudice VittorioOccorsio, tutti aggravati dalla finalita' terroristica e dieversione dell'ordine costituzionale. Concutelli, oggi 71enne,ha da tempo ottenuto il differimento della pena, con ladetenzione domiciliare, per le sue gravi condizioni di salute,ma con il suo ricorso, chiedeva fosse annullata la decisionedel tribunale di sorveglianza di Roma di negargli laconcessione della liberta' condizionale.

Concutelli, il 'comandante nero' mai pentito

Anche il sostituto pgdi Cassazione aveva sollecitato l'annullamento con rinviodell'ordinanza impugnata, mentre la Suprema Corte ha confermatola decisione del giudice di sorveglianza, sottolineando, inparticolare, il mancato ravvedimento del condannato "cheneppure attraverso il suo difensore - si legge nella sentenzadepositata oggi - spende una sola parola di pentimento, dipresa di distanza rispetto alle gesta criminali per cui e'tristemente famoso". Nulla, osservano i giudici di'Palazzaccio', Concutelli dice "in ordine al suo passato duiterrorista, alla violenza diffusa per tale scelta ideologica,alle sofferenze sparse per la realizzazione del suo progettopolitico, eversivo dell'ordine costituzionale". Infine, ilbeneficio della liberazione condizionale, si spiega nellasentenza della prima sezione penale, e' stato negato inrelazione a due recenti procedimenti penali (uno conclusosi conl'assoluzione) per denunce relative alle violazioni della leggesugli stupefacenti e in materia di armi commesse nel carcere diRebibbia. .