Gli studenti del liceo delle presunte molestie torneranno in aula lunedì

Gli studenti del liceo delle presunte molestie torneranno in aula lunedì

I ragazzi del liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero, in provincia di Cosenza, sono scesi in piazza per un corteo volto a denunciare le presunte molestie a sfondo sessuale ai danni di alcune studentesse da parte di un docente

studenti liceo castrolibero molestie tornano classe corteo

molestie

AGI - Gli studenti del liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero (Cs), che dal 5 febbraio scorso occupano la scuola denunciando molestie a sfondo sessuale ai danni di alcune studentesse da parte di un docente, riprenderanno regolarmente le lezioni lunedì. Lo hanno annunciato stamane, in occasione della manifestazione in corso di svolgimento a Cosenza dove un corteo di un migliaio di ragazzi sta attraversando la città.

I ragazzi ritengono raggiunto l'obiettivo di portare la vicenda all'attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni. Sul caso indaga la Procura di Cosenza e sono in corso ispezioni ministeriali. La dirigente scolastica, accusata di aver minimizzato i fatti, e' assente per malattia e l'ufficio scolastico regionale cerca un sostituto. I giovani hanno ottenuto la solidarieta' di una parte dei docenti. 

Sono un migliaio gli studenti scesi in piazza a Cosenza, questa mattina, a sostegno dei ragazzi del liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Gli studenti, che dal 5 febbraio occupano la scuola, espongono striscioni e gridano slogan contro gli abusi sessuali ma anche contro l'alternanza scuola-lavoro.

Gli studenti sono partiti da Piazza Loreto per raggiungere il centro della città. Con loro anche ragazzi in rappresentanza di alcuni istituti di altre province della Calabria. Al riguardo, i manifestanti hanno riferito che alcuni dirigenti scolastici avrebbero diffidato gli studenti a non prendere parte alla manifestazione minacciando provvedimenti disciplinari. Il corteo è seguito da un notevole dispiegamento di forze dell'ordine. "No agli abusi", "La scuola non deve essere il luogo degli abusi", "No ai padroni" alcune delle frasi scritte sugli striscioni.