Forte calo dei ricoveri e record di tamponi

Forte calo dei ricoveri e record di tamponi

La curva epidemica torna a crescere, alla luce però di un numero mai visto di test. Vicino ai massimi anche l'incremento giornaliero di guariti, oltre quota 2.000. In flessione i decessi, 525 in 24 ore

coronavirus curva contagi morti lombardia

© Nicola Marfisi/AGF -

Torna a crescere la curva epidemica in Italia, a fronte però di un forte calo dei ricoveri e del record di tamponi eseguiti. I casi totali sono saliti a 168.941, con un aumento di 3.786 unità in 24 ore, molto più delle 2.667 di ieri. A pesare però è proprio il numero di tamponi, 60.999 in un giorno, record assoluto (ieri erano stati 43.700 circa, l'altro ieri 26.700).

Sono i dati forniti dalla Protezione Civile nel bollettino delle 18. Il numero dei decessi si conferma in leggero calo, 525 (erano stati 578 ieri), portando il totale a 22.170. Sale il numero dei guariti, 2.072 in un giorno, molto vicino al record (ieri erano stati appena 962). Il totale dei guariti supera così quota 40 mila: sono 40.164 in tutto. Le persone attualmente positive salgono di 1.189 unità (erano 1.127 ieri) portando il totale a 106.607.

Il dato piu' significativo però, come detto, è sui ricoveri: quelli in regime ordinario sono calati di 750 unità, la riduzione nettamente più decisa da inizio epidemia (ieri -368), e scendono quindi a 26.893. Seguiti dalle terapie intensive, che hanno liberato altri 143 posti letto (ieri 107), scendendo a 2.936. Il 3 aprile, nemmeno due settimane fa, erano 4.068. Infine, sale a 76.778 il totale dei pazienti in isolamento domiciliare.

Articolo aggiornato alle 00:05 del 17 aprile 2020

  • 21:38

    Bolsonaro licenzia il ministro della Salute

    Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha licenziato il suo popolare ministro della salute Luiz Mandetta dopo una settimana di stallo tra i due uomini che sono su posizioni diametralmente opposte sul modo di affrontare la pandemia del coronavirus.
    Mandetta ha annunciato la notizia su Twitter. Ha difeso l'isolamento sociale, mentre il presidente insiste che l'impatto della pandemia sull'economia brasiliana in difficolta' e' piu' importante della perdita di vite umane.

  • 21:26

    Di Maio: per la Fase 2 la priorità è la vita delle persone

    Tutti vogliamo riavviarci alla riapertura, ma deve essere intelligente". Lo ha detto a Stasera Italia su Retequattro il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlando della fase 2 e della possibilità che la riapertura non avvenga a livello nazionale ma regione per regione. "C'è la responsabilità per il lavoro, ma la responsabilità più grande è per la vita delle persone. Non dobbiamo abbassare le guardia, rischiamo di sprecare il lavoro fatto. Dobbiamo rivolgerci quindi a chi ne sa più di noi, che sono gli scienziati e gli scienziati ci dicono che ci vuole prudenza".

  • 20:46

    Muore infermiera di Rsa nel Bergamasco

    Lavorava come infermiera in una Rsa della Bergamasca ed è morta di Covid-19 dopo tre settimane di agonia alla clinica di Ome, nel Bresciano. Lidia Liotta, 55 anni originaria di Sciacca in Sicilia, non ha superato l'ultima crisi respiratoria arrendendosi alla malattia. La donna lavorava in una Rsa di Predore e lascia il marito, dipendente del comune di Villongo e una figlia di 20 anni.

  • 20:25

    La Procura di Roma indaga su due strutture per anziani

    La procura di Roma ha aperto un'inchiesta, al momento contro ignoti, per accertare se si siano verificate violazioni sanitarie in due strutture per anziani dove si sono registrati casi di contagio da Covid-19. Il fascicolo avviato dal procuratore aggiunto Nunzia D'Elia riguarda, in particolare, la casa di cura Villa Fulvia e la casa di riposo Giovanni XXIII.

  • 20:00

    In Turchia i morti salgono a 1.643

    Il ministro della Salute turco, Fahrettin Koca, ha ha reso noto il bilancio dell'epidemia coronavirus, salito a 1.643 morti, 135 dei quali nelle ultime 24 ore, un dato che denota una tendenza in crescita nel numero di decessi. Crescono anche i contagi, a 74.193, dopo i 4.801 casi accertati oggi. Cresce anche il numero di test effettuati su base giornaliera, che oggi per la prima volta ha superato quota 40 mila.

  • 19:59

    Altri 753 morti in Francia

    Altre 753 persone hanno perso la vita in Francia a causa della pandemia di Covid-19, portando il bilancio delle vittime a 17.920. In totale le persone che sono state ricoverate dall'inizio dell'epidemia sono 31.305, di cui 6.248 in terapia intensiva.

  • 19:50

    Macron: in Cina sono successe cose che non sappiamo

    In Cina "ci sono chiaramente cose che sono successe che non sappiamo". Lo ha detto in una intervista al Financial Times il presidente francese, Emmanuel Macron, parlando di come la Cina ha gestito l'emergenza coronavirus.

  • 18:56

    Iss: molta cautela altrimenti il contagio riparte

    "Dobbiamo essere molto cauti nelle misure che prendiamo per evitare che ci sia una ripartenza della curva dei contagi. Bisogna muoversi in maniera graduale, individuando alcuni settori su cui è possibile fare riflessioni accompagnandoli però da misure di monitoraggio, per vedere se riusciamo a mantenere l'R con zero sotto la soglia che ci interessa. La circolazione del virus è meno intensa ma è presente. Abbiamo raggiunto l'obiettivo di portare R0 sotto uno, dobbiamo muoverci passo dopo passo. Il movimento e l'attività fisica anche sono importanti per la salute, ma dobbiamo declinarli in modo che il rischio sia ridotto". Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, al punto stampa in Protezione civile.

  • 18:35

    A New York lockdown prolungato fino al 15 maggio

    "Abbiamo messo sotto controllo la bestia, abbiamo abbattuto il tasso di contagio, ma non è finita". Con queste parole il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, ha annunciato che la "pausa" per le attività non essenziali proseguirà fino al 15 maggio, in accordo con altri stati. "Abbiamo fatto più di 500 mila test sul coronavirus - ha continuato - più di quanti ne abbiano fatti California, Florida e Michigan messi insieme".
    "Siamo riusciti - ha continuato - a fare mezzo milione di esami, mettendo in piedi qualcosa che non c'era prima. Appare come una grande cosa, e in effetti lo è. Mi congratulo con tutti quelli che hanno collaborato, ma quando pensi che nello stato ci sono 19 milioni di persone e hai 9 milioni di lavoratori, beh, 500 mila test non suona come un gran numero, giusto?".

  • 18:30

    Iss: difficile dare patenti di immunità

    "Quello dei test sierologici è un tormentone che ci accompagna giorno dopo giorno. Ci sono molti prodotti e il numero è in crescita, e questo è un dato molto positivo. Sappiamo però anche che sono recenti, e una valutazione precisa in termini di sensibilità e specificità e del loro valore predittivo non c'è, sono in fase di messa a punto. È una questione in itinere, oggi patenti di immunità è difficile poterle dare, è sempre necessario poi aggiungere un tampone. In prospettiva questo evolverà e acquisiremo nuove conoscenze". Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, al punto stampa in Protezione civile. 

  • 18:26

    Borrelli: raccolte donazioni per oltre 126 milioni

    Ad oggi sul conto corrente della Protezione civile "sono state raccolte donazioni per 126.174.456 euro, circa 34 milioni dei quali già spesi per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale e ventilatori per le strutture ospedaliere". Lo ha detto il commissario all'emergenza coronavirus, Angelo Borrelli, nel corso dell'incontro quotidiano con la stampa. 

  • 18:25

    Contagi in leggero calo a Milano

    Sono in leggero calo i dati sui contagi da coronavirus a Milano. Nella Città metropolitana oggi si sono registrati 277 casi (14.952 il totale), di cui 102 in città (6.160). Ieri il dato era rispettivamente di +325 e +144, mentre l'altro ieri +189 e +57. Le altre province più colpite sono Brescia con +168 (11.355), Bergamo +46 (10.518), Cremona +71 (5.273), Monza e Brianza +54 (3.932) e Pavia +74 (3.390). La meno colpita resta Sondrio con +5 casi e 864 dall'inizio dell'epidemia.

  • 18:15

    Brusaferro: si conferma trend discendente

    "Come stiamo vedendo ormai da alcuni giorni siamo in un trend discendente, con le curve dei contagiati, ricoverati e deceduti che hanno come sappiamo uno sfalsamento temporale". Lo ha detto il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, al punto stampa in Protezione civile.