Nessun dato 'chiuso' su dispersi

Nessun dato 'chiuso' su dispersi
Centinaia i feriti portati via da Accumoli ed Amatrice, mentre non e' ancora possibile - dicono dalla Protezione civile - dare indicazioni sul numero dei dispersi. Ma in generale, per Fabrizio Curcio, il capo della Protezione civile, il bilancio è destinato a salire.  

Roma - Non c'e un numero certo, un dato chiuso, sui dispersi nelle zone terremotate del Reatino e dell'Ascolano. Lo ha precisato Immacolata Postiglione, direttrice dell'area emergenze del dipartimento della protezione civile , nel corso dell'incontro stampa di questa mattina , affiancata de rappresentanti delle forze dell'ordine impegnate nelle operazioni idi soccorso (polizia di stato, carabinieri, corpo forestale dello stato, guardia di finanza), con il capo del corpo nazionale dei vigili del fuoco e con un capo operazioni del comando generala delle capitanerie di porto. "Non abbiamo un dato certo sulle persone presenti in zona - ha aggiunto Postiglione -, e in particolare di gente non residente abitualmente in quell'area". Chiaro rifrimento quindi, ai turisti e villeggianti , il cui numero e' incerto e non e' escluso che diverse delle 247 vittime fino ad ora ufficialmente accertate ci siano persone non del posto e che erano in vacanza in quell'area. (AGI)