Il brano di Aristotele sull'amicizia scelto per il liceo Classico

Il brano di Aristotele sull'amicizia scelto per il liceo Classico 
pixabay.com 
scuola (Pixabay) 

Il passo di Aristotele da tradurre al liceo Classico per la seconda prova della Maturità è tratto dal libro VIII dell'Etica Nicomachea, ed è dedicato all'amicizia. Il brano del grande filosofo risponde al problema fondamentale dell'etica: "Cosa è il bene per l'uomo", sottolineando che proprio l'amicizia è condizione virtuosa, ed è

"radicalmente necessaria alla vita. Infatti, senza amici - si legge nel brano - nessuno sceglierebbe di vivere, anche se possedesse tutti gli altri beni; anzi si ritiene comunemente che siano proprio i ricchi e i detentori di cariche e di poteri ad avere il piu' grande bisogno di amici: infatti, quale utilità avrebbe una simile prosperità, se fosse tolta quella possibilità di beneficare che si esercita soprattutto, e con molta lode, nei riguardi degli amici?".

L'amicizia inoltre, scriveva Aristotele nell'opera dedicata al figlio Nicomaco, considerata il primo trattato sull'etica, "aiuta i giovani a non commettere errori, i vecchi a trovare assistenza e cio' che alla loro capacità d'azione viene a mancare a causa della debolezza, ed infine, coloro che sono nel fiore dell'età a compiere le azioni moralmente belle".

E non solo: "Sembra, poi, che sia l'amicizia a tenere insieme le città, ed i legislatori si preoccupano più di lei che della giustizia: infatti, la concordia sembra essere qualcosa di simile all'amicizia; ed è questa che essi hanno soprattutto di mira, ed è la discordia, in quanto è una specie di inimicizia, che essi cercano soprattutto di scacciare".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it