Mafia Roma: Carminati nel 2012, Pignatone buttera' all'aria la citta'

(AGI) - Roma, 10 dic. - Giuseppe Pignatone "avrebbe buttatoall'aria Roma" perche' "era uno che non giocava". Cosi' MassimoCarminati, in una conversazione del

Mafia Roma: Carminati nel 2012, Pignatone buttera' all'aria la citta'
(AGI) - Roma, 10 dic. - Giuseppe Pignatone "avrebbe buttatoall'aria Roma" perche' "era uno che non giocava". Cosi' MassimoCarminati, in una conversazione del 27 gennaio 2012,intercettata mentre era in auto in compagnia di un amico,"manifestava interesse alla nomina del nuovo procuratore capodi Roma" che poi avrebbe preso possesso d'ufficio nel marzosuccessivo. Nel corso di questa conversazione, citata in unarichiesta al gip di proroga delle intercettazioni, Carminatidiceva che "Pignatone in Calabria ha cappottato tutto" e che e'uno che "non si fa ingloba' dalla politica". Massimo Carminati "e' risultato tenere un elevato tenore divita (ha iscritto il proprio figlio Andrea all'Universita'Luiss di Roma) pur non svolgendo nessuna attivita' lavorativaed essendo privo di reddito. Appare interessarsi di vendita diautomobili e orologi, senza comparire formalmente in alcunaimpresa operante nei predetti settori commerciali. E, nelperiodo in esame, ha intrattenuto relazioni che destanosospetto e che meritano approfondimento". Cosi' scriveva il gipFlavia Costantini nel novembre del 2011 quando autorizzo' "laproroga delle intercettazioni delle comunicazioni, vocali esms", come chiesto dalla procura. L'ex estremista nero - silegge adesso negli atti allegati all'inchiesta su MafiaCapitale - "e' risultato avere relazioni con Marco Perina,vicepresidente del XX Municipio del Comune di Roma e fratellodell'onorevole Flavia Perina e con Simona Di Giuseppe,dirigente del ministero dello Sviluppo Economico ecollaboratrice del viceministro Catia Polidori". "Appare opportuno evidenziare - scriveva ancora il gip -che Carminati risulta essere particolarmente attentonell'utilizzo del proprio telefono e nei propri spostamenti,atteso che lo stesso ha manifestato telefonicamente al proprioavvocato Giosue' Naso, il sospetto di essere controllato dalleForze di Polizia". Per il gip "appare assolutamenteindispensabile" concedere la proroga perche' ci sono elementisufficienti circa "l'esistenza di una consorteria voltaall'attivita' di riciclaggio di denaro provento di attivita'delittuose, in particolare, reati contro il patrimonio eusura". (AGI).