Mafia Capitale: Nieri, mia porta sbarrata a Buzzi vado avanti

(AGI) - Roma, 10 giu. - "Non ci sto a prestare il fianco aquesto gioco al massacro, ne' a fare il bersaglio di certericostruzioni giornalistiche piu' che superficiali", perche'"cio' che emerge con chiarezza nei brogliacci di cui si leggeormai ogni giorno e' una cosa soltanto: se qualcuno fosse maivenuto a bussare alla mia porta l'avrebbe trovata non chiusa,sbarrata". E' quanto dichiara il vicesindaco di Roma, Luigi Nieri, inmerito alle intercettazioni in cui Salvatore Buzzi fa il suonome. "E' con la serenita' della coscienza pulita che vadoavanti" e "non so se essere

(AGI) - Roma, 10 giu. - "Non ci sto a prestare il fianco aquesto gioco al massacro, ne' a fare il bersaglio di certericostruzioni giornalistiche piu' che superficiali", perche'"cio' che emerge con chiarezza nei brogliacci di cui si leggeormai ogni giorno e' una cosa soltanto: se qualcuno fosse maivenuto a bussare alla mia porta l'avrebbe trovata non chiusa,sbarrata". E' quanto dichiara il vicesindaco di Roma, Luigi Nieri, inmerito alle intercettazioni in cui Salvatore Buzzi fa il suonome. "E' con la serenita' della coscienza pulita che vadoavanti" e "non so se essere lusingato dal disprezzo che Buzzimostra nei miei confronti nelle sue conversazioni. Leggo chepensa di me che dormo, che mi devo dare una svegliata, che noncapisco, che sono addirittura 'fuso': parole offensive chetestimoniano con nettezza la frustrazione di Buzzi nei mieiconfronti", secondo Nieri, e "dimostrano che, se Buzzi cercavain me una sponda, non l'ha mai trovata. Tanto che parla di mecon disprezzo e veemenza". Quanto al "riferimento al presuntoposto di lavoro che avrei chiesto a Buzzi, mi fa quasisorridere e comunque si tratta solo delle sue parole riferitead altri", continua il vicesindaco, giudicando "evidente che seil sistema Buzzi prevedeva un do ut des io non sarei mai statodisponibile. E mai lo saro' per nessuno", perche' "non avreimai accettato una sorta di sistema ricattatorio sulla pelle deipoveracci". Nieri parla di una "storia sempre piu' nauseante,ma cio' che conta davvero e' che la Procura ha fatto un lavoroserio e meticoloso nel cercare e trovare riscontri a tutte levanterie e millanterie che le persone coinvolte nell'inchiestahanno diffuso. A mio carico non esiste alcun riscontro",conclude il vice di Ignazio Marino, "malgrado l'amarezza diconstatare quotidianamente la superficialita' di certi titoli ela voracita' del tritacarne mediatico. Diffido chiunque aperseverare in questa squallida operazione di diffamazione aimiei danni e, in caso contrario, daro' mandato ai miei avvocatidi tutelare la mia persona e la mia immagine per le vielegali". .