Mafia Capitale: dal dietologo ad Alemanno, l'agenda di Buzzi

(AGI) - Roma, 10 giu. - Non ci sono solo i riferimentitelefonici o gli incontri con alcuni degli indagati di MafiaCapitale (da Coratti a Odevaine, da Tredicine a Scozzafava).Per tre anni, dal 2011 al 2013, nella sua agenda SalvatoreBuzzi, presidente della cooperativa '29 giugno' ritenuto unodei capi dell'associazione di stampo mafioso assieme all'ex NarMassimo Carminati, era solito segnare di tutto: cifre, vicendedi vita privata (come gli appuntamenti con il dietologo o ildentista), nomi di politici (come Alemanno, D'Alema eZingaretti), e annotazioni su fatti di cronaca, come'l'apertura dell'emergenza freddo' o i

(AGI) - Roma, 10 giu. - Non ci sono solo i riferimentitelefonici o gli incontri con alcuni degli indagati di MafiaCapitale (da Coratti a Odevaine, da Tredicine a Scozzafava).Per tre anni, dal 2011 al 2013, nella sua agenda SalvatoreBuzzi, presidente della cooperativa '29 giugno' ritenuto unodei capi dell'associazione di stampo mafioso assieme all'ex NarMassimo Carminati, era solito segnare di tutto: cifre, vicendedi vita privata (come gli appuntamenti con il dietologo o ildentista), nomi di politici (come Alemanno, D'Alema eZingaretti), e annotazioni su fatti di cronaca, come'l'apertura dell'emergenza freddo' o i giorni 'di gran caldo'fino ad arrivare al 'terremoto in Giappone' o alla finale diChampions League tra Bayern e Chelsea. Tra un appuntamento e unnumero di cellulare, Buzzi non mancava di riportare in agendale morti di personaggi famosi, da Andreotti al cardinalMartini, da Lucio Dalla al partigiano Bentivegna. (AGI)