Loris: altri insulti a madre in carcere, lei ripete "non ucciso"

(AGI) - Catania, 10 dic. - Nuove contestazioni dei detenutistamattina nel carcere catanese di piazza Lanza contro VeronicaPanarello, accusata di avere ucciso il figlio Loris. Come gia'ieri sera all'arrivo della donna, i reclusi hanno gridato"assassina, non ti vogliamo qui". Ieri sera era stata visitata da un medico e da unopsicologo, come vuole la prassi per chi entra in carcere. Atutti quelli che ha incontrato, la donna ha detto: "Io sonoinnocente, non c'entro con la morte di mio figlio". "La signoraPanarello continua a professarsi assolutamente innocente,chiede aiuto e chiede che si svolgano

(AGI) - Catania, 10 dic. - Nuove contestazioni dei detenutistamattina nel carcere catanese di piazza Lanza contro VeronicaPanarello, accusata di avere ucciso il figlio Loris. Come gia'ieri sera all'arrivo della donna, i reclusi hanno gridato"assassina, non ti vogliamo qui". Ieri sera era stata visitata da un medico e da unopsicologo, come vuole la prassi per chi entra in carcere. Atutti quelli che ha incontrato, la donna ha detto: "Io sonoinnocente, non c'entro con la morte di mio figlio". "La signoraPanarello continua a professarsi assolutamente innocente,chiede aiuto e chiede che si svolgano indagini affinche' vengapreso il vero colpevole. L'ho trovata ancora processualmenteserena ma molto provata perche' si trova in carcere pero chiedegiustizia. Ha pianto" ha detto l'avvocato Francesco Villardita,difensore di Veronica, dopo aver incontrato la donna nelcarcere catanese di piazza Lanza dov'e' detenuta da ieri conl'accusa di aver ucciso il figlio. "E' stremata, senza forze,ma continua incessantemente a ripetere che e' innocente e chequella mattina ha accompagnato il bambini a scuola. Su questonon ha assolutamente dubbi", ha aggiunto il legale e haprecisato che la mamma di Loris "continua sempre a dare lastessa versione dei fatti", malgrado secondo l'accusa siasmentita dai video e da alcune testimonianze. "Vogliopartecipare ai funerali di mio figlio" ha detto Veronica e ionsua difesa interviene la madre, Carmela Aguzza: "Mia figlia nonpuo' aver agito da sola, di sicuro copre qualcuno. E' semprestata una ragazzina irrequieta, viziata e bramosa diattenzioni, ma da qui a diventare un'assassina ce ne corre, edi questo sono certa, anche se non ci sentivamo da tempo primache, in preda ad una comprensibile angoscia, mi accusasse diaver preso il suo bambino". (AGI).