Lite per viabilità a Pescara. Un morto

Rintracciato il presunto responsabile: un ventenne del luogo

lite a pescara morto

Un uomo è morto poco fa a Pescara al culmine di una lite scoppiata, stando alle prime informazioni, per questioni di viabilità. La vittima sarebbe stata aggredita. Si tratterebbe - secondo i carabinieri - di omicidio preterintenzionale.

L'episodio è accaduto a Pescara in zona stadio. Inutile l'intervento dei soccorritori del 118. Al momento non sono chiare le cause del decesso, ma non si esclude che si tratti di un malore. Dopo essersi messe alla ricerca di una o più persone fuggite a bordo di un Suv di colore chiaro, le forze dell'ordine hanno rintracciato un ventenne pescarese, al momento sotto interrogatorio.

La vittima è Tiziano Paolucci, 56 anni, che era in macchina con la moglie e la figlia, lungo via della Pineta. Secondo una prima ricostruzione, avrebbe suonato il clacson quando una macchina nel fare retromarcia lo stava per urtare. Il conducente dell'altra vettura, sarebbe quindi sceso: ci sarebbe stata una discussione, poi si sarebbe arrivati alle mani. Paolucci sarebbe quindi risalito in auto, per poi fermare la macchina dopo pochi metri, scendere dal mezzo e cadere a terra.

Il corpo del 56enne presenta una ferita lacerocontusa alla testa. Il cadavere dell'uomo è ancora sul posto, per i rilievi del caso. Poi sarà trasferito in obitorio a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'eventuale esame autoptico chiarirà se alla base del decesso c'e' un malore cardiaco o se sia stata proprio la caduta a provocare la morte. Sul posto è intervenuto anche il pm Marina Tommolini. L'ispezione medico legale è stata eseguita da Maria Teresa Viscione della Asl.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.