La terra trema ancora ad Ascoli, frana sulla via Salaria

I moduli dell'Expo di Milano saranno inviati nelle zone del sisma e adibiti ad uso di servizio

La terra trema ancora ad Ascoli, frana sulla via Salaria
Terremoto sisma Amatrice chiesa distrutta crollata crollo - afp 

Ascoli Piceno - Una nuova scossa di magnitudo 3.4 è stata registrata dai sismografi alle 7.08 in provincia di Ascoli Piceno. La scossa, che ha avuto epicentro fra Arquata del Tronto e Norcia, e' stato localizzata dalla sala sismica dell'Ingv-Roma ad una profondita' di 10 chilometri. Dopo un'ora, all 8.02 si e' verificata nella stessa area una seconda scossa, questa volta di magnitudo 2.1 e sempre ad una profondita' di 10 chilometri. Sull'area insiste anche un'area depressionaria che sta portando condizioni di maltempo.

Intanto nella notte è franato un tratto della via Salaria che collega Ascoli Piceno a Rieti. "Stiamo lavorando per riaprire il transito almeno in senso alternato, sulla Statale 4 Salaria, nella frazione di Quintodecimo entro la mattinata" hanno affermato i vigili del fuoco che stanno operando da questa notte, insieme ai tecnici e agli operai dell'Anas per liberare parte della carreggiata.

Vasco Errani, entro una settimana via le tendopoli

Lo smottamento, forse provocato dalle forti pioggie cadute nell'Ascolano nelle ultime ore, e' avvenuto in una localita' che si trova nel comune di Acquasanta Terme, a circa 20 chilometri a ovest di Ascoli.

I moduli dell'Expo di Milano saranno inviati nelle zone del sisma e adibiti ad uso di servizio

Esso impedisce l'accesso diretto dal capoluogo piceno ad Arquata del Tronto, il comune piu' colpito dal terremoto del 24 agosto scorso, ai confini con il Lazio. "Stiamo operando per mettere in sicurezza i massi pericolanti e che potrebbero causare i maggiori problemi alla circolazione stradale - spiegano i vigili del fuoco - e questo nel piu' breve tempo possibile. La frana non minaccia comunque direttamente alcuna abitazione di Quintodecimo o di altre localita' che trovano lungo la strada Salaria". (AGI)