L'ex di Ruby a Berlusconi, pericoloso darle biglietti da 500

(AGI) - Milano - "Si ricordera' che le dissi, e diversevolte, di stare attento a non dare banconote da 500 euro a  

(AGI) - Milano, 2 lug. - "Si ricordera' che le dissi, e diversevolte, di stare attento a non dare banconote da 500 euro a Rubyperche' era pericoloso, perche' andava in giro con buste pienedi banconote da 500 e non si preoccupava di farle vedere". Loscrive Luca Risso, l'ex compagno della ragazza marocchina, inuna lettera a Silvio Berlusconi depositata tra gli attidell'inchiesta Ruby 'ter' in cui l'ex premier, una ventina diragazze e l'avvocato Luca Giuliante sono indagati percorruzione in atti giudiziari. Nella missiva, Risso ricorda aBerlusconi "di quello che mi promise, e perlomeno mi aiuti comepuo'" e aggiunge: "Le dissi di dargli meno soldi e tagli piu'piccoli e magari di avvalersi dell'aiuto di Giuliante visto cheio ormai ero fuori gioco. E comunque qualsiasi cosa fosseaccaduto, i soldi a Ruby li davo io... cosa che anche Rubydoveva dire". La senatrice di Forza Italia Maria Rossi avrebbe dato aLuca Risso e Ruby i soldi per "andare in Messico". Adaffermarlo, in una missiva destinata a Silvio Berlusconi e agliatti dell'indagine Ruby ter, e' proprio l'ex compagno dellaragazza marocchina. "La mia vita lavorativa - scrive Risso,indagato per riciclaggio - prese il colpo di grazia nelnovembre 2012 quando Lei, per non far testimoniare Ruby adicembre, ci chiese di andare via e tornare dopo il 10gennaio". "Cosi' - racconta Risso - dopo aver visto MariaRosaria Rossi che ci diede i soldi per andare via, partimmo peril Messico - prosegue - e io fui costretto a vendere anchel'ultimo locale che gestivo (al sig. Belsito, in quel temposegretario della Lega Nord, (in realta' segretarioamministrativo ndr.) che mi ha pagato con un assegno vuoto!!)". Tra i documenti depositati con l'avviso di chiusura delleindagini su Ruby ter, c'e' anche il diario sequestrato a IrisBerardi, indagata per corruzione in atti giudiziari. La modelladi origine brasiliana, che aveva ritirato la costituzione diparte civile nel processo a carico di Fede, Mora e Minetti, si'confessa' alle pagine del diario affermando, riportano gliinquirenti, di "non essersi fatta mancare nulla: droga, alcol,sigarette, sesso (...) dalle orge ad Arcore, alle marchette,sesso con donne, sesso con due uomini contemporaneamente"."Nello stesso contesto - proseguono gli investigatori -descrive esplicitamente un rapporto sessuale da lei avuto conSilvio Berlusconi". Sempre in questo scritto, si legge che"Berardi avrebbe in particolare sostituito tale Valentiha (suacollega di lavoro) inun gruppo di 20 ballerine brasiliane che si esibivano ad Arcoreportata da altre due donne brasiliane (tra cui Helene) piu'anziane; in ordine al primo contatto con Berlusconi, vienefatto riferimento alla settimana precedente al Capodanno 2008(quando dunque Berardi era ancora minorenne); viene specificatoche "le ragazze venivano preparate al peggio" e allertate "anon scandalizzarsi per le cose oscene" che avrebbero visto" inquanto "lui le sue ragazze le bacia in bocca, le tocca". Ci sono anche alcuni sms tra Marysthell Polanco, ospitealle serate ad Arcore, e lo 'storico' legale di SilvioBerlusconi, l'avvocato Niccolo' Ghedini, agli attidell'indagine Ruby ter in cui Silvio Berlusconi e' indagato percorruzione in atti giudiziari. In uno di questi, Polancoscrive: "Diro' tutto come sta, ho tutte le prove, nn (testuale,ndr) si puo' essere cosi' bastardi ci tiene alla politica? Okoggi sono nella merda ma andremo tutti nella merda". Inun'annotazione della polizia giudiziaria, agli attidell'inchiesta Ruby ter, vengono riportati gli "screenshotrelativi a una conversazione via sms avvenuta, verosimilmente,tra Marysthell Polanco e l'avvocato Ghedini". Polanco esordisce: "Buongiorno Avvocato, volevo dirti chesiamo molto dispiaciute col dottore xche' (testuale, ndr) nonci riceve e ci chiude le porte, cose che prima non faceva". Poiprosegue: "Non cel faccio piu' a tenere le vostre bugie e lavostra presa per il culo aveva promesso di pagare il mioavvocato e ha fatto delle promesse quando ci ha detto di venireda voi a dire le bugie che mi hanno spaventata, mi ha usata enon lo posso piu' tenere dentro nn me ne frega niente andare ingalera per colpa di lui, diro' tutto come sta ho fatto tutte leprove". Ghedini risponde cosi': "La invito a non contattarmi ecmq (testuale, ndr) a non usare modi siffatti. Valuteremoazioni legali". Polanco ribatte: "Ma voi mi chiamavate sempreprima adesso non va bene...Io non voglio niente da voi e solola presa per il culo la galera e' fatta per gli essere umanimandatemi in galera per la verita'...non me ne frega". (AGI).