Italia-Iraq: Masum "piena disponibilita' cooperare con Roma"

(AGI) - Baghdad, 21 giu. - Il presidente iracheno Fuad Masum haricevuto le lettere credenziali del nuovo ambasciatore italianonel paese, Marco Carnelos, e ha sottolineato l'importanza dellosviluppo delle relazioni tra Roma e Baghdad. Secondo quantoriferisce un comunicato della presidenza irachena, il capodello Stato ha evidenziato "l'importanza delle relazionibilaterali tra i due paesi, in particolare nello sviluppo deisettori dell'industria, dell'agricoltura, del turismo e deiservizi in Iraq". Masum ha auspicato che vengano raddoppiatigli sforzi per garantire "agli studenti iracheni di studiarenelle universita' italiane" e ha sottolineato "l'importanza delsostegno italiano nella guerra

(AGI) - Baghdad, 21 giu. - Il presidente iracheno Fuad Masum haricevuto le lettere credenziali del nuovo ambasciatore italianonel paese, Marco Carnelos, e ha sottolineato l'importanza dellosviluppo delle relazioni tra Roma e Baghdad. Secondo quantoriferisce un comunicato della presidenza irachena, il capodello Stato ha evidenziato "l'importanza delle relazionibilaterali tra i due paesi, in particolare nello sviluppo deisettori dell'industria, dell'agricoltura, del turismo e deiservizi in Iraq". Masum ha auspicato che vengano raddoppiatigli sforzi per garantire "agli studenti iracheni di studiarenelle universita' italiane" e ha sottolineato "l'importanza delsostegno italiano nella guerra contro il terrorismo in Iraq".Il presidente ha augurato ogni successo al diplomatico italianoe ha espresso la disponibilita' del suo paese "a cooperarepienamente con l'Italia". (segue) L'ambasciatore Carnelos, daparte sua, ha detto che "e' nell'interesse dell'Italia fornireassistenza immediata agli sfollati", si legge nel comunicatodella presidenza irachena, aggiungendo che il diplomaticoitaliano ha garantito il suo impegno per "rafforzare i legamidi amicizia tra i due paesi e accelerare il ritmo dellacooperazione". L'ambasciatore italiano, infine, ha sottolineatoche l'Italia "e' pronta a contribuire al ripristino deiprogetti speciali iracheni", come gli scavi presso i sitiarcheologici e il sostegno al settore sanitario privato. .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it