Incubo sul Monte Bianco, notte a 3mila metri per 45 persone

Guasto alla funivia, 110 bloccati. Ne sono stati evacuati 65, gli altri intrappolati in cabina

Incubo sul Monte Bianco, notte a 3mila metri per 45 persone
Aiguille du Midi
montagna
chamonix
elicottero (afp)

Grenoble - Notte in funivia per quarantacinque persone, sospese a oltre 3 mila metri di altezza sul versante francese del Monte Bianco. Questo l'ultimo bilancio dell'incidente capitato nel pomeriggio sulla teleferica che collega l'Aiguille du Midi (3.842 metri), sul lato francese del massiccio, alla Punta di Helbronner, (3.462 metri) che si trova sul limite del versante italiano.

A bordo delle 'telecabine' dell'impianto 'Panoramica Mont-Blanc' che percorre circa 5 chilometri dal punto di partenza all'arrivo erano presenti 110 persone: al momento, secondo i media francesi, ne sono state riporate a terra 65, mentre le altre 45 passeranno la notte sulla funivia. L'incidente e' avvenuto nel pomeriggio e il guasto sarebbe stato provocato da un incrocio di cavi che si e' prodotto "per ragioni ignote", forse a causa del vento. Gli impiegati della Compagnia del Monte Bianco non sono riusciti a ripararlo, ha spiegato alla France Presse Mathieu Dechavanne della societa' di gestione delle funivie.

Poco dopo una operazione condotta con elicotteri svizzeri, francesi e italiani e' stata organizzata per riportare i turisti a terra. Ma a causa del buio e delle condizioni climatiche non ottimali e' stata sospesa dopo qualche ora. Secondo quanto riferito da fonti del soccorso alpino italiano, sara' presente un soccorritore per ogni gruppo di cabine (si tratta infatti di cabine da quattro posti che si muovono a gruppi di tre) che ha portato generi di conforto e coperte per le persone che trascorreranno la notte in quota. Le operazioni di recupero, con ogni probabilita', ricominceranno alle prime luci dell'alba.

Su richiesta delle autorità francesi, è intervenuto anche il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico. Da Aosta, si legge in una nota, "e' decollato un elicottero AW139 con quattro tecnici di elisoccorso del CNSAS a bordo, che sono stati calati sulle cabine e hanno iniziato l'evacuazione delle persone bloccate. Le operazioni con l'elicottero si sono però interrotte con l'arrivo dell'oscurita'". 

L'evacuazione dei turisti intrappolati, rende noto il soccorso alpino, dovrebbe riprendere all'alba. "Le operazioni di evacuazioni dell'impianto, alla luce della scarsissima visibilita' e dei rischi nel calare i passeggeri da oltre 100 metri di altezza sul ghiacciaio della Valle' Blanche sono sospese - si legge in una nota - Gli uomini del Soccorso Alpino che hanno raggiunto le cabine con l'elicottero e muovendosi lungo il cavo metallico resteranno a fianco dei passeggeri, passando la notte con loro nelle cabine. Sono state portate con l'elicottero coperte e vestiti, prima che le nuvole basse e l'oscurita' rendessero impossibile il volo". "All'alba riprenderanno le operazioni di evacuazione, sperando in un miglioramento della visibilita'". (AGI)