Imprenditore gay ucciso: assolto ragazzo che aveva confessato

(AGI) - Palermo, 16 set. - Il tribunale dei minorenni diPalermo ha assolto dall'accusa di avere ucciso l'imprenditoreMassimo Pandolfo, un giovane che ha compiuto diciotto anni lascorsa settimana, ma che all'epoca dell'omicidio, avvenuto il26 aprile del 2013, era ancora minorenne. Si tratta di AndreaG., scagionato dopo un anno e mezzo di carcere al Malaspina.Per lui il pm Caterina Bartolozzi, della Procura minorile,aveva chiesto la condanna a 18 anni e 6 mesi. Andrea G., cheinizialmente aveva confessato (per poi ritrattare), era statochiamato fuori da coloro che la Procura presso il Tribunaleritiene

(AGI) - Palermo, 16 set. - Il tribunale dei minorenni diPalermo ha assolto dall'accusa di avere ucciso l'imprenditoreMassimo Pandolfo, un giovane che ha compiuto diciotto anni lascorsa settimana, ma che all'epoca dell'omicidio, avvenuto il26 aprile del 2013, era ancora minorenne. Si tratta di AndreaG., scagionato dopo un anno e mezzo di carcere al Malaspina.Per lui il pm Caterina Bartolozzi, della Procura minorile,aveva chiesto la condanna a 18 anni e 6 mesi. Andrea G., cheinizialmente aveva confessato (per poi ritrattare), era statochiamato fuori da coloro che la Procura presso il Tribunaleritiene i veri assassini di Pandolfo: Giuseppe Pollicino eGiampiero Manago', di 19 e 20 anni, e Andrea S., anche lui oggimaggiorenne, ma diciassettenne all'epoca dei fatti. I tredevono essere ancora processati: Pollicino e Manago' finirannodavanti al Gup del tribunale ordinario, Andrea S. ha chiesto eottenuto il rito abbreviato davanti al Gup del tribunale deiminori. Il delitto maturo' in un ambiente omosessuale, comevendetta per il comportamento violento tenuto dalla vittima. .