Il giallo Fragala' resta irrisolto, chiesta l'archiviazione per i 3 sospettati

(AGI) - Palermo - La Procura di Palermo ha chiestol'archiviazione dell'inchiesta sull'omicidio dell'avvocato EnzoFragala', ferito a morte, con un bastone, la   [...]

Il giallo Fragala' resta irrisolto, chiesta l'archiviazione per i 3 sospettati

(AGI) - Palermo, 1 ott. - La Procura di Palermo ha chiestol'archiviazione dell'inchiesta sull'omicidio dell'avvocato EnzoFragala', ferito a morte, con un bastone, la sera del 23febbraio 2010 e morto tre giorni dopo in ospedale. Secondo ilprocuratore aggiunto Maurizio Scalia e i sostituti Nino DiMatteo e Carlo Lenzi, nei confronti dei tre indagati, FrancescoArcuri, Salvatore Ingrassia e Antonino Siragusa, non sono statiraccolti elementi sufficienti per celebrare un processo.

L'eventuale assoluzione in dibattimento, una volta divenutadefinitiva, impedirebbe di tornare a processarli per la stessavicenda, anche in presenza di eventuali fatti nuovisopravvenuti. Arcuri, considerato dagli inquirenti l'esecutoremateriale del delitto, era stato arrestato nel luglio 2013,mentre gli altri due, che si trovavano gia' in carcere peraltri reati, collegati a vicende di mafia, avevano ricevuto unnuovo ordine di custodia cautelare. Le revoche delle misuresono state decise tra marzo e aprile scorsi.

Nel corso delleindagini e' venuta meno la valenza indiziaria di quantoraccolto dai carabinieri: la voce che era stata attribuita adArcuri, in una conversazione intercettata nell'ambito diun'altra indagine, non era comparabile, data la brevita' delsuo intervento, con quella dell'indagato. In quel colloquio atre, circa un'ora prima dell'agguato, che scatto' sotto lostudio di Fragala', a poche decine di metri dal palazzo digiustizia, il presunto Arcuri parlava di un "cuosu i lignu", unpezzo di legno, e Siragusa e Ingrassia si riferivano allanecessita' di farlo sparire, assieme a un motociclo. Neiconfronti degli altri due indagati c'erano le riprese video diun negozio poco distante dal luogo in cui Fragala' fu bastonatoa morte: ma anche in questo caso le immagini non eranosufficientemente chiare, per stabilire se le persone ripresefossero proprio Siragusa e Ingrassia.

Inoltre la Cassazione,decidendo sulla posizione di Siragusa, aveva imposto che sistabilisse quale fosse stato il concreto ruolo dei due sulluogo del delitto, e che questo non venisse ricostruito sullabase di "mere congetture". Le indagini sul delitto Fragala', il cui movente sarebbelegato, secondo la tesi che il Gip Fernando Sestito ha ritenutomaggiormente dimostrata, a ragioni passionali, ripartono adessoda zero. La famiglia della vittima non ha formulato opposizionealla richiesta di archiviazione e ora sara' lo stesso GipSestito, che tra marzo e aprile aveva revocato i propri ordinidi custodia nei confronti dei tre sospettati, a dovere deciderecosa fare dell'indagine.

La Procura ritiene che l'omicidio siada attribuire a Cosa nostra, alla quale sono considerati vicinii tre indagati, due dei quali, Siragusa e Ingrassia, processatie condannati per la loro appartenenza al mandamento mafioso diPorta Nuova, "competente per territorio" sulla zona del palazzodi giustizia, in cui avvenne la feroce aggressione. (AGI)



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it