Giubileo: Marino, sentito Zingaretti per sfida trasporti

(AGI) - Roma, 13 mar. - "Ieri pomeriggio, pochi minuti dopol'annuncio del Santo Padre, ho parlato con il presidente dellaRegione Lazio, Nicola Zingaretti, e abbiamo subito pensato allasfida dal punto di vista della mobilita' e dei trasporti nellanostra citta'". Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino,parlando a Radio Vaticana dell'Anno Santo indetto da PapaFrancesco. Il primo cittadino della capitale ha cosi'individuato la priorita' da considerare nell'organizzazionedell'evento: "vorrei nei prossimi giorni valutare, con gliassessori, l'accelerazione di alcuni progetti sui trasporti". In particolare, "poche settimane fa abbiamo firmato unprotocollo con

(AGI) - Roma, 13 mar. - "Ieri pomeriggio, pochi minuti dopol'annuncio del Santo Padre, ho parlato con il presidente dellaRegione Lazio, Nicola Zingaretti, e abbiamo subito pensato allasfida dal punto di vista della mobilita' e dei trasporti nellanostra citta'". Lo ha detto il sindaco di Roma, Ignazio Marino,parlando a Radio Vaticana dell'Anno Santo indetto da PapaFrancesco. Il primo cittadino della capitale ha cosi'individuato la priorita' da considerare nell'organizzazionedell'evento: "vorrei nei prossimi giorni valutare, con gliassessori, l'accelerazione di alcuni progetti sui trasporti". In particolare, "poche settimane fa abbiamo firmato unprotocollo con le Ferrovie dello Stato per collegare meglioalcune aree della nostra citta' dove la rete ferroviaria esistegia' ma non e' utilizzata come potrebbe esserlo all'internodella citta'". Ma Marino pensa anche al "collegamento conl'aeroporto di Fiumicino, che ha una frequenza di treni troppobassa per un'affluenza di decine di milioni di pellegrini in unanno". Inoltre, "bisognera' prendere misure per lo spostamentodei grandi pullman turistici, da coniugare con un miglioramentodello spostamento su ferro in citta', per lasciarli fuori dalcentro storico", ha aggiunto il sindaco, ricordando che " neiprossimi mesi, con la consegna della stazione Lodi, avremo unanuova mobilita' in un intero quadrante della citta' grazie allaMetro C, e questo deve impegnarci tutti ad arrivare al piu'presto a San Giovanni dove finalmente ci sara' la possibilita'di scambio con un'altra metropolitano e quindi il miglioramentonetto della nostra mobilita'". (AGI)