Fuga di notizie, indagato ex comandante Gdf

Il generale Giuseppe Mango avrebbe passato notizie a imprenditori considerati legati alla camorra

Fuga di notizie, indagato ex comandante Gdf
 Giuseppe Mango

Napoli - L'ex comandante della Guardia di finanza della Campania, generale Giuseppe Mango, è indagato a Napoli per rivelazione di notizie su indagini coperte da segreto. In particolare, avrebbe passato notizie a imprenditori considerati legati alla camorra, in affari con il clan Polverino e gli alleati Simioli di Marano. Per il generale, che e' stato in Campania, poi in Piemonte e ora in Veneto, pende una misura interdittiva e l'alto ufficiale ha anche ricevuto l'invito a presentarsi in Procura per un interrogatorio. Nell'inchiesta per un presunto riciclaggio e' coinvolto anche il commercialista Giovanni De Vita, amico del calciatore Fabio Cannavaro.

La richiesta che la Procura di Napoli ha avanzato nei confronti del generale Mango e' quella interdittiva per una violazione di segreto d'ufficio. Nell'indagine condotta dal pm Fabrizio Vanorio, viene contestata al generale l'ipotesi di aver fatto una 'soffiata' per favorire imprenditori vicini al clan Polverino di Marano che questa mattina sono stati arrestati. In particolare, l'ipotesi di reato si riferisce a una informazione riservata che l'ufficiale della Guardia di Finanza avrebbe dato ad un legale riguardo un'indagine in corso. Il generale sara' interrogato martedi' dalla Procura e, cosi' come prevede la legge per l'applicazione delle misure interdittive, solo all'esito dell'interrogatorio il gip potra' applicarla. (AGI)