Le donne raccontate dagli uomini. E non importa di chi sia la festa

Un video di Luz e Sapiens raccoglie le testimonianze di figli, fratelli, mariti, compagni. Per raccontare la donna da un'altra prospettiva

Le donne raccontate dagli uomini. E non importa di chi sia la festa
Pietro Baroni / LUZ
 Un frame del video 'Quello che gli uomini non dicono'

Dallo scandalo Weinstein al movimento #MeToo, negli ultimi mesi le donne sono riuscite a mettersi al centro dell’agenda globale, rivendicando uguaglianza e rispetto in un mondo ancora dominato dallo squilibrio di genere. Ma perché non lasciare la parola anche agli uomini?

Nel nuovo video di LUZ Quello che gli uomini non dicono, a celebrare le donne sono uomini di tutte le età, intervistati per raccontare la loro relazione con la donna della loro vita: la propria madre, figlia, sorella, moglie, compagna. Donne forti, coraggiose, sagge, che hanno avuto un ruolo insostituibile nella loro vita.

Alice Siracusano, amministratore delegato di LUZ, commenta: “Abbiamo scelto di affidare la direzione di questo video a Pietro Baroni per la sua capacità di far emergere le emozioni e l’importanza delle relazioni umane attraverso un linguaggio diretto che, proprio per la sua semplicità, arriva al cuore dello spettatore. Quello che gli uomini non dicono vuole diffondere un messaggio di amore e di rispetto verso le donne includendo gli uomini nella conversazione, perché non si tratta di “questioni delle donne”, si tratta di “questioni umane” in senso più ampio, che sono da affrontare insieme.”

È importante che siano anche gli uomini a raccontare il valore delle donne, diventando parte attiva di un movimento dalle cui rivendicazioni hanno tutto da guadagnare, e niente da perdere.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it