Un uomo ha massacrato a morte la moglie per tre giorni

L'uomo, geloso in modo ossessivo, ha picchiato la donna con cui era sposato da 30 anni più volte senza prestarle soccorso

femminicidio mazara massacrata tre giorni rosalia 
Minichiello / AGF 
Ambulanza

Ha massacrato di botte per almeno tre giorni la moglie per gelosia, sino a causarne la morte, poi ha chiamato il 118. Questo il terribile scenario ricostruito dalla polizia di Stato che nella notte ha dato esecuzione a un fermo di indiziato di delitto, emesso dal pm di Marsala, Marina Filingeri, a carico del marito della donna, Vincenzo Frasillo, di 53 anni, disoccupato mazarese. La coppia era sposata da 30 anni.

Gli agenti della Squadra mobile di Trapani e del commissariato di Mazara del Vallo sono intervenuti ieri sera, intorno alle 20.30, nell'abitazione dei due coniugi, in via Calypso, dopo che l'uomo aveva chiamato i medici del 118, segnalando il decesso della moglie, Rosalia Garofalo, 52 anni, disoccupata di Mazara del Vallo. La donna è stata trovata riversa sul letto matrimoniale con evidenti segni di percosse su tutto il corpo.

L'uomo, condotto in commissariato, per tutta la notte è stato sottoposto a interrogatorio, alla presenza del suo difensore. Il sopralluogo della Scientifica e l'ispezione del cadavere, eseguita dal medico legale, hanno confermato che Frasillo ha più volte picchiato la donna negli ultimi tre giorni, senza prestarle alcuna assistenza o richiedere le necessarie cure mediche. La violenza del marito si è scatenata molto probabilmente per l'ossessione di essere tradito dalla donna.

L'uomo ha precedenti per maltrattamenti in famiglia e minacce nei confronti dei propri familiari, tanto che per un periodo Rosalia Garofalo ha vissuto in una comunità per donne in stato di disagio, a ridosso delle due denunce presentate (e poi ritirate) nei confronti del marito, come quella presentata ad aprile dello scorso anno e rimessa volontariamente nel seguente mese di giugno. Frasillo è stato condotto nel carcere di Trapani. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it