La campagna Emergenza Sorrisi per i bambini con malformazioni facciali

Dal 21 aprile al 11 maggio è possibile offrire il proprio contributo per sostenere i medici volontari della Onlus che operano in 23 tra i Paesi più poveri del mondo per donare una chance a quei bambini il cui futuro è compromesso dalle malformazioni

emergenza sorrisi ‚Äčlabiopalatoschisi labbro leporino
Agf

Torna l’“Emergenza sorrisi”,  la campagna per donare un futuro ai bambini affetti da gravi malformazioni facciali. Dal 21 aprile al 11 maggio è possibile offrire il proprio contributo per sostenere i medici volontari della Onlus che operano in 23 tra i Paesi più poveri del mondo per donare una chance a quei bambini il cui futuro è compromesso dalle malformazioni. Per farlo è sufficiente inviare un sms al 45594, oppure effettuare una chiamata da rete fissa al 45594 per donare 5 o 10 Euro.

“I bambini che nascono con gravi malformazioni facciali, in contesti svantaggiati, vengono allontanati dal resto della comunità, spesso segregati, emarginati, esclusi da ogni rapporto sociale”, spiega all’Agi Fabio Massimo Abenavoli, dottore e presidente della Onlus. Basti pensare che in molti Paesi dell’Africa i bambini con la labio-palatoschisi sono considerati maledetti, in Uganda sono denominati “Ajok”, ovvero “perseguitati da Dio”. Tra i problemi più trattati, oltre alla palatoschisi, ci sono il labbro leporino, le malformazioni del volto, gli esiti di ustioni, i traumi di guerra, le cataratte e altre patologie invalidanti nei Paesi in Via di Sviluppo.

In 12 anni di missioni chirurgiche, i medici di “Emergenza Sorrisi” hanno operato 4.863 bambini, e conosciuto e visitato 11.000 bimbi per cui era difficile anche compiere i più piccoli e naturali gesti come nutrirsi, parlare, respirare, sorridere. “Per questi bambini e per le loro famiglie iniziare a sorridere vuol dire avere futuro. Emergenza Sorrisi apre loro le porte di un mondo più sereno, con la possibilità di ripartire da zero, di lasciarsi alle spalle il dolore: una vera e propria rinascita”, spiega Abenavoli.

La raccolta fondi serve proprio a finanziare le prossime missioni. “Il nostro è un impegno a tutto tondo. Non operiamo soltanto, ma ci impegnammo per formare nel modo migliore i medici - alcuni dei quali vengono anche in Italia a seguire corsi e aggiornamenti- e per mettere in piedi una rete di supporto. Perché è vero che le operazioni sono risolutive ma è anche vero che questi  bimbi poi vanno seguiti da dentisti, otorini. Lo scopo è replicare ovunque la stessa organizzazione e far sì che questi dottori lavorino da soli”. Nei suoi 12 anni di vita, infatti, la onlus ha sviluppato un vero e proprio modello di assistenza e aiuto per le popolazioni di molti Paesi dell’Africa e del medio Oriente, spesso luoghi di partenza di costanti flussi migratori verso l’Europa.

Non solo. “La nostra missione è anche quella di sensibilizzare. In Belìn, ad esempio, dobbiamo affrontare il problema delle spose bambine, una pratica che ha ripercussioni sia sul piano culturale (non vanno più a scuola), sia su quello medico. Le ragazze hanno il loro primo figlio da giovanissime, il tasso di mortalità è alto, così come quello delle malformazioni neonati".

Tutti i numero dell’Ong

  • 375 i medici e gli infermieri volontari della onlus
  • 11.000 i pazienti visitati
  • 4.863 sono gli interventi chirurgici realizzati
  • 580 i medici locali professionisti coinvolti nei corsi di formazione per un totale di 4.000 ore erogate
  • 369 i volontari italiani (di cui 170 medici)
  • 12 anni di missioni chirurgiche in Paesi dell’Africa e del medio Oriente


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.