Draghi, improbabile ripresa piu' forte in prossimi mesi

(AGI) - Roma, 21 nov. - Alla luce anche dell'indice Pmidell'Eurozona diffuso ieri, "una ripresa piu' forte e'improbabile nei prossimi mesi, con gli ordini in calo per laprima volta da luglio 2013". Il presidente della Bce, MarioDraghi, in occasione del Congresso dei banchieri diFrancoforte, esperime dubbi sulla ripresa anche nel 2015.D'altra parte, ribadisce, "la situazione economica dell'eareaeuro resta difficile", "la fiducia nelle prospettive economichee' fragile e indubbiamente non omogenea, alimentata dai bassiinvestimenti", aggiunge. A preoccupare il presidente della Bce,l'andamento dell'inflazione la cui situazione all'internodell'area euro si e' aggravata ulteriormente

(AGI) - Roma, 21 nov. - Alla luce anche dell'indice Pmidell'Eurozona diffuso ieri, "una ripresa piu' forte e'improbabile nei prossimi mesi, con gli ordini in calo per laprima volta da luglio 2013". Il presidente della Bce, MarioDraghi, in occasione del Congresso dei banchieri diFrancoforte, esperime dubbi sulla ripresa anche nel 2015.D'altra parte, ribadisce, "la situazione economica dell'eareaeuro resta difficile", "la fiducia nelle prospettive economichee' fragile e indubbiamente non omogenea, alimentata dai bassiinvestimenti", aggiunge. A preoccupare il presidente della Bce,l'andamento dell'inflazione la cui situazione all'internodell'area euro si e' aggravata ulteriormente nell'ultimoperiodo. "La situazione e' diventata ancora piu' sfidante",sottolinea. "Noi faremo tutto il possibile per aumentarla e peralzare le aspettative il piu' velocemente possibile comeprevede il nostro mandato", prosegue. "Se la traiettoriaattuale della nostra politica non bastera' allo scopo e nuovirischi inflazionistici si materializzeranno interverremo" conaltre azioni, ha concluso.