Donna trovata morte in casa nel Fiorentino, arrestato il marito

(AGI) - Firenze, 4 mar. - I carabinieri del comando provincialedi Firenze, hanno arrestato un operaio conciario quarantenne,ritenuto responsabile del decesso della moglie, avvenuto aFucecchio il 30 ottobre 2014. Secondo l'accusa, l'uccisionedella donna sarebbe avvenuta durante una lite. Il gip,Alessandro Moneti, recependo integralmente gli esitidell'attivita' d'indagine condotta dai militari del nucleoinvestigativo sotto la direzione del sostituto procuratoreSandro Cutrignelli, ha disposto la misura della custodiacautelare in carcere nei confronti dell'uomo. L'autopsia hastabilito che la donna sarebbe morta per arrestocardiocircolatorio conseguente a percosse. Secondo quantoricostruito dagli investigatori, fin dai tempi

(AGI) - Firenze, 4 mar. - I carabinieri del comando provincialedi Firenze, hanno arrestato un operaio conciario quarantenne,ritenuto responsabile del decesso della moglie, avvenuto aFucecchio il 30 ottobre 2014. Secondo l'accusa, l'uccisionedella donna sarebbe avvenuta durante una lite. Il gip,Alessandro Moneti, recependo integralmente gli esitidell'attivita' d'indagine condotta dai militari del nucleoinvestigativo sotto la direzione del sostituto procuratoreSandro Cutrignelli, ha disposto la misura della custodiacautelare in carcere nei confronti dell'uomo. L'autopsia hastabilito che la donna sarebbe morta per arrestocardiocircolatorio conseguente a percosse. Secondo quantoricostruito dagli investigatori, fin dai tempi del lorofidanzamento l'operaio avrebbe avuto comportamenti aggressiviverso la donna con continui maltrattamenti e percosse. Cosi'come la sera della morte, l'uomo avrebbe telefonato allamoglie, che si trovava in un locale vicino a casa,minacciandola. Rientrata a casa, il marito l'avrebbe colpitacon calci, pugni e oggetti contundenti fino a provocarnefratture e lesioni ad organi vitali. Le indagini sono stateavviate dopo una serie di dichiarazioni dell'uomo consideratedagli investigatori incongruenti e a seguito della denunciapresentata dal fratello della vittima. Dopo l'arresto l'uomo e'stato associato presso la casa circondariale di FirenzeSollicciano a disposizione dell'autorita' giudiziariainquirente. .