Domani l'eclissi di sole, ma sull'Europa sara' solo 'oscuramento'

(AGI) - Roma, 19 mar. - Eclissi di sole domani sull'Artico, consolo un 'oscuramento' sullì'Europa. Per vederla nella su'forma' migliore, ci si puo' collegare con il Consiglionazionale delle ricerche che la trasmettera' in direttastreaming dalla base "Dirigibile Italia" nelle Isole Svalbard.L'appuntamento e' domani sul sito dalle 10,10 alle 12,15 con ilpicco di massima oscurita', cioe' quando la Luna si sovrapponeperfettamente al Sole, sara' visibile dalle 11,10 alle 11,13.Il fenomeno, oltre ad essere uno spettacolo suggestivo, e'anche un'occasione imperdibile per chi fa ricerca. "L'eclissiproduce un calo veloce della radiazione solare e,

(AGI) - Roma, 19 mar. - Eclissi di sole domani sull'Artico, consolo un 'oscuramento' sullì'Europa. Per vederla nella su'forma' migliore, ci si puo' collegare con il Consiglionazionale delle ricerche che la trasmettera' in direttastreaming dalla base "Dirigibile Italia" nelle Isole Svalbard.L'appuntamento e' domani sul sito dalle 10,10 alle 12,15 con ilpicco di massima oscurita', cioe' quando la Luna si sovrapponeperfettamente al Sole, sara' visibile dalle 11,10 alle 11,13.Il fenomeno, oltre ad essere uno spettacolo suggestivo, e'anche un'occasione imperdibile per chi fa ricerca. "L'eclissiproduce un calo veloce della radiazione solare e, diconseguenza, dell'energia disponibile per i processi chimici edinamici soprattutto negli alti strati atmosferici", haspiegato Claudio Rafanelli, direttore dell'Istituto di acusticae sensoristica del Cnr (Idasc-Cnr) di Tor Vergata (Roma)."Questo perche' la radiazione solare - ha continuato - scomparedel tutto nella zona d'ombra, ma resta in parte sia nella suacomponete diffusa, sia in quella diretta nella zona dipenombra. Per il mondo della ricerca il fenomeno e' importanteperche' e' l'unico momento in cui e' possibile osservare lacorona solare e studiarne la composizione e la dinamica; neglialtri momenti la radiazione proveniente dal sole e' cosi'intensa da mascherarne la visione". L'Italia, e il Cnr inparticolare - con l'Istituto di scienze dell'atmosfera e delclima (Isac) e l'Idasc, e' coinvolto in ricerche legate allostudio della radiazione solare. (AGI)Red/Pgi.