Degrado Roma: Codacons, Rienzi "con Marino non e' cambiato nulla"

(AGI) - Roma - Roma si trova in uno stato di degrado esembra che la giunta Marino sia incapace di affrontare il 

Degrado Roma: Codacons, Rienzi "con Marino non e' cambiato nulla"
(AGI) - Roma, 19 giu. - Roma si trova in uno stato di degrado esembra che la giunta Marino sia incapace di affrontare ilproblema. Ne e' convinto l'avvocato Carlo Rienzi, presidentedel Codacons, che con la sua associazione ha appena lanciatouna sfida al sindaco di Roma, invitandolo ad intervenire entro30 giorni sui problemi piu' sentiti dai cittadini. "Laquestione del degrado della Capitale, che in questi giorni e'evidenzata anche da una bella inchiesta del 'Corriere dellaSera', ha origini antiche, ma sembra proprio che con Marino nonsia cambiato nulla. Nessuno, comunque, si e' accorto della suapresenza. Da piu' parti e sempre piu' insistenti arrivano lerichieste di sue dimissioni - spiega Rienzi -. Noi abbiamoquindi chiesto al sindaco di dimostrare di saper realmentegovernare la citta' e affrontare seriamente i tre problemiprincipali che abbiamo individuato e che monitoreremoattraverso le telecamere di Codacons Tv: le buche stradali e levoragini che si aprono dovunque; la sporcizia diffusa che rendeRoma una delle metropoli piu' sporche; la situazione deltraffico, dalla sosta selvaggia all'assenza di vigili urbani".Pur convinto che Roma sia "una citta' inguaribile", l'avvocatoRienzi da' a Marino la colpa di non essere in grado di farnulla per migliorare la situazione. Per questo col Codanconsgli ha concesso un mese per dimostrare le sue capacita': "Se ilsindaco sapra' intervenire eliminando o riducendo le criticita'di cui abbiamo parlato e che sono quelle piu' denunciate daicittadini - spiega il presidente dell'associazione deiconsumatori - allora dimostrera' di saper governare. Nel casoin cui al termine dei 30 giorni di monitoraggio i problemidovessero rimanere inalterati, allora chiederemo anche noi agran voce le sue dimissioni". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it