Cosa possono fare insieme garante della privacy e polizia contro il cyberbullismo

Così agirà l'Autorità per la protezione dei dati personali per fermare i contenuti web diffusi in rete che costituiscono di fatto un'aggressione a un minore

Cosa possono fare insieme garante della privacy e polizia contro il cyberbullismo

È stato firmato l'accordo tra il Garante per la protezione dei dati personali e la Polizia Postale volto a rafforzare il sistema di tutele nei confronti dei minori dai pericoli del web. Il Protocollo si pone l'obiettivo di prevenire e contrastare tutte quelle forme di aggressione e trattamento illecito dei dati personali riguardanti i minorenni effettuate per via telematica.

Tra le azioni riparatorie che potranno essere intraprese su istanza dei minori che si ritengano vittime di atti di cyberbullismo, ci sono l'oscuramento, la rimozione o il blocco dei contenuti a loro riferiti e diffusi in rete.

I numeri

  • 2016: 235 denunce
  • 2017: 350 denunce

Il cyberbullismo è diventato anche in Italia una vera e propria epidemia silenziosa: dalle 235 denunce del 2016, si è passati agli oltre 350 casi del 2017. Altrettanto numerose sono state le segnalazioni e le richieste di aiuto da parte di ragazzi, genitori, insegnanti ed operatori sociali.

Grazie al Protocollo d'intesa, nei casi in cui sia necessario identificare il titolare del trattamento o il gestore del sito Internet o del social media dove sia stato pubblicato un contenuto (informazioni, foto, video, ecc.) ritenuto atto di cyberbullismo o sia necessario attuare le decisioni assunte, il Garante può richiedere l'intervento della Polizia postale e delle comunicazioni.

Leggi anche: Così la legge contro il cyberbullismo aiuterà famiglie e insegnanti

La Polizia Postale si occuperà, da parte sua, di reperire dati e informazioni sul titolare del trattamento o sul gestore del sito web o del social media, nonché delle eventuali ulteriori fonti web sulle quali siano stati divulgati i contenuti illeciti ed eventualmente di compiere le ulteriori azioni necessarie sulla base delle procedure e degli strumenti, anche al fine di consentire al Garante di intervenire opportunamente.
"Il Garante è da sempre vicino ai giovanissimi, non solo perché sono tra i principali fruitori dei servizi web, ma anche perché la tutela dello loro riservatezza e il corretto utilizzo dei dati personali che li riguardano costituisce l'obiettivo primario perseguito dall'Autorità nei tanti casi in cui i minori sono protagonisti dei propri provvedimenti", spiega Giuseppe Busia, segretario generale del Garante, al quale la legge n. 71/2017 assegna lo specifico compito di decidere sulle segnalazioni riguardanti episodi di cyberbullismo.

Leggi anche: "Gli adolescenti ignari dei rischi dei social? Colpa della scuola"

"Per tale ragione, la nostra azione mira anche ad affiancare i minori nel loro percorso di crescita, al fine di fare comprendere ai giovani l'effettivo peso delle loro azioni, rendendoli consapevoli delle relative conseguenze. Il nostro impegno serve anche a responsabilizzare i fornitori di servizi on-line, in modo che, per quanto di loro competenza, si facciano ugualmente carico di tutelare i minori in rete, arginando il fenomeno del cyberbullismo".

Cosa possono fare insieme garante della privacy e polizia contro il cyberbullismo
 Foto: Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev
 Soro (Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev)

Nunzia Ciardi, direttore del servizio Polizia postale e delle comunicazioni, spiega che "la tutela dei minori sul web è una priorità assoluta della Polizia Postale e la tempestività del nostro intervento è fondamentale per evitare che condotte, spesso frutto di superficialità e scarsa consapevolezza, abbiano effetti devastanti per le vittime e le loro famiglie", sottolineando come ci sia un impegno costante della Polizia postale nell'assicurare interventi efficaci e adeguati per contrastare il fenomeno del cyberbullismo. "Questo protocollo sancisce una collaborazione che ormai da tempo la Polizia postale assicura a tutte le istituzioni impegnate nella prevenzione di un'emergenza che non è soltanto criminale ma, soprattutto, sociale - aggiunge Nunzia Ciardi -. La nostra attività, infatti, non si esplicita soltanto sul piano repressivo ma anticipa l'azione di contrasto con la predisposizione di incontri educativi per i ragazzi, piani di formazione per gli insegnanti e iniziative di collaborazione con enti pubblici e privati per garantire la sicurezza delle e nelle comunicazioni". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it