Coronavirus, ​test positivo per uno degli italiani rimpatriati da Wuhan

Coronavirus, ​test positivo per uno degli italiani rimpatriati da Wuhan

Il paziente è attualmente ricoverato all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma

coronavirus italiano wuhan positivo

Coronavirus, Roma

L'Istituto Superiore di Sanità ha appena comunicato alla task-force del ministero della Salute l'esito positivo del test di conferma su uno dei rimpatriati da Wuhan e messo in quarantena nella città militare della Cecchignola.

L'Istituto, prosegue la nota, sta coordinando l'organizzazione della sorveglianza epidemiologica a livello nazionale e supporta i laboratori di riferimento regionali per garantire una prima diagnosi tempestiva. Nei casi di positività al primo test l'Istituto effettua le analisi di conferma comunicandole alla task-force del ministero della Salute.​

Il paziente è attualmente ricoverato all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma con modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale. Era stato trasportato in isolamento all'ospedale, dove rimangono critiche le condizioni della coppia cinese ricoverata da otto giorni.

"Credo che la probabilità di contagiare altri sia bassissima". Ha precisato il direttore del reparto Malattie infettive Giovanni Rezza, nel corso del programma 'Dritto e Rovescio' su Rete 4. "Qui dobbiamo essere vigili - ha aggiunto - tenere altissima l'asticella della vigilanza. Anche se la battaglia vera si può vincere solo in quelle zone". 

"La quarantena di 14 giorni - ha spiegato ancora Rezza - era stata stabilita proprio per questo motivo". Per poi sottolineare che l'uomo si è infettato "mentre stava in Cina". 

Il "compagno" alla Cecchignola

L'italiano risultato positivo al coronavirus? "Non posso dire che lo conoscessi veramente, ci incontravamo fuori o nelle parti comuni, ma era timido e interagiva poco con noi". Lo ha detto Michel Talignani, uno degli italiani che si trovano alla Cecchignola, sempre in collegamento con il programma di Rete 4.

Paura? "Oggi pomeriggio un po' di angoscia c'era, quando ho ricevuto la notizia" ha ammesso. Poi, ha raccontato: "Noi abbiamo l'obbligo di indossare la mascherina e i guanti in lattice quando usciamo dalla stanza".