Coppia acido: "Alex e Martina avevano 20 obiettivi da colpire"

(AGI) - Milano. - Alexander Boettcher e Martina Levato,avrebbero avuto "un'altra ventina" di obiettivi da colpire conl'acido. A rivelarlo e' stato  

(AGI) - Milano, 9 ott. - Alexander Boettcher e Martina Levato,avrebbero avuto "un'altra ventina" di obiettivi da colpire conl'acido. A rivelarlo e' stato il presunto "basista" dellacoppia, Andrea Magnani, nel corso dell'interrogatorio nelprocesso con rito abbreviato a carico suo e della ragazza. Ildettaglio e' inedito e non era mai stato raccontato da Magnani.Il giovane bancario aveva gia' raccontato che i due ex amiciavevano una lista di nomi e numeri di targhe", ma non aveva maiparlato di una ventina di persone nel mirino, oltre a PietroBarbini, e Giuliano Cartarelli. In sostanza, Magnani, che nelpomeriggio verra' controesaminato dalle parti civili e dailegali di Martina Levato, ha ribadito di avere partecipato inmodo "inconsapevole" agli agguati con l'acido. La sua versionee' che Alex sarebbe stato il "regista" dell'aggressione aidanni del 22enne Pietro Barbini, lo scorso dicembre, "mentre iosapevo che dovevamo fargli uno scherzo goliardico e mi sonoaccorto di tutto solo quando Martina ha lanciato l'acido".Inoltre, il giovane bancario ha spiegato ancora, come gia'fatto il 23 settembre scorso quando venne sentito come teste -imputato di procedimento connesso, che alla fine di ottobre2014 "pedinammo Giuliano Carparelli pensando che fosse StefanoSavi seguendo la sua auto". Di qui il tragico scambio dipersona che porto' a sfigurare Savi invece del fotografoCarparelli, il vero obbiettivo. Andrea Magnani si proclama"innocente" nel processo col rito abbreviato a carico suo e diMartina Levato, ribadendo la versione dei fatti gia' illustrataquando e' stato sentito nell'aula del processo a Boettcher. Eil pm Marcello Musso non esita a definirlo "non credibile". E'questa la sintesi, stando a quanto riferito dai legali,dell'udienza a porte chiuse in corso davanti al gup RobertoArnaldi con al centro le aggressioni con l'acido che sarebberostate messe a segno dal trio Magnani- Levato - Boettcher.Martina Levato non era presente, ha spiegato uno dei suoiavvocati, Daniele Barelli, "perche' e' ancora impegnata conl'allattamento 'indiretto' del bimbo nato a ferragosto dallasua relazione con Boettcher. "Verra' il 13 novembre - haaggiunto il difensore - quando si fara' interrogare erispondera' a tutte le domande". (AGI)