CIR: in 2014 risultato netto

GRUPPO CIR: RICAVI STABILI A ' i' 2,4 MLD Margini in crescita:ebitda ' i' 196,8 mln, +4,1%Risultato netto - ' i' 23,4 mln (-' i' 269,2 mln nel 2013) dopo oneri non ricorrentiUtile di ' i'12 mln ante oneri non ricorrentiLe tre controllate industriali(Espresso, Sogefi e KOS) chiudono il 2014 in utile. Cresce illoro contributo complessivo al bilancio del gruppoLa perditaconsolidata e' interamente dovuta a oneri non ricorrenti per 'i' 35,4 milioni per il riacquisto del Bond 2024 e per lasvalutazione dei crediti non performing in portafoglio IlConsiglio di Amministrazione proporra'

GRUPPO CIR: RICAVI STABILI A ' i' 2,4 MLD Margini in crescita:ebitda ' i' 196,8 mln, +4,1%Risultato netto - ' i' 23,4 mln (-' i' 269,2 mln nel 2013) dopo oneri non ricorrentiUtile di ' i'12 mln ante oneri non ricorrentiLe tre controllate industriali(Espresso, Sogefi e KOS) chiudono il 2014 in utile. Cresce illoro contributo complessivo al bilancio del gruppoLa perditaconsolidata e' interamente dovuta a oneri non ricorrenti per 'i' 35,4 milioni per il riacquisto del Bond 2024 e per lasvalutazione dei crediti non performing in portafoglio IlConsiglio di Amministrazione proporra' all'Assemblea degliAzionisti di non distribuire dividendi in considerazione delrisultato del periodoMilano, 9 marzo 2015 ' Il Consiglio diAmministrazione di CIR-Compagnie Industriali Riunite S.p.A.,riunitosi oggi sotto la presidenza di Rodolfo De Benedetti, haapprovato il progetto di bilancio d'esercizio e il bilancioconsolidato del gruppo al 31 dicembre 2014 presentatidall'amministratore delegato Monica Mondardini. PremessaNelcorso dell'esercizio 2014 Sorgenia ha proceduto allaformulazione e condivisione di un piano di ristrutturazione deldebito con gli istituti finanziatori che ha dato luogo allapresentazione al Tribunale di Milano, in data 19 novembre, delricorso per l'omologazione ex articolo 182-bis. In data 25febbraio 2015 il Tribunale di Milano ha concesso l'omologa alpiano di ristrutturazione del debito del gruppo Sorgenia.All'esito dell'operazione, in particolare dopo l'approvazionedel bilancio 2014 da parte dell'Assemblea degli Azionisti e ilperfezionamento dell'aumento di capitale, in virtu' degliaccordi sottoscritti con gli istituti finanziatori in data 23luglio 2014, CIR non deterra' piu' azioni Sorgenia. Tenutoconto di quanto precede, il gruppo CIR, a partire dallaRelazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2014, ha adottatoil principio contabile internazionale IFRS 5 per ilconsolidamento del gruppo Sorgenia. In base a tale principio,il gruppo Sorgenia deve essere classificato come attivita'destinata a essere ceduta. Pertanto la situazione patrimonialee finanziaria di Sorgenia e' recepita, nel bilancio consolidatodi CIR, alla voce "Attivita'/Passivita' destinate alladismissione", separatamente dalle altre attivita' e passivita'esposte nella situazione patrimoniale e finanziaria, e non piu'secondo il metodo di consolidamento integrale linea per linea.Analoga esposizione e' effettuata anche con riferimento alconto economico.Risultati consolidatiI ricavi del gruppo CIRnel 2014 sono ammontati a ' i' 2.392,6 milioni, sostanzialmentestabili (-0,4%) rispetto a ' i' 2.403,4 milioni nell'esercizioprecedente. Sogefi ha registrato un aumento del fatturatodell'1,1%, KOS del 5,3%, mentre i ricavi di Espresso, in calodel 6,6%, sono stati nuovamente penalizzati dalla complessasituazione del settore editoriale e dalla ulteriore riduzionedegli investimenti pubblicitari dovuta al perdurare dellarecessione economica. Il 53,3% del fatturato del gruppo e'realizzato all'estero grazie allo sviluppo internazionale diSogefi. L'EBITDA e' ammontato a ' i' 196,8 milioni, in aumentodel 4,1% rispetto a ' i' 189 milioni nel 2013. La crescita e'dovuta principalmente al miglioramento del margine di Espresso,di KOS e della capogruppo CIR S.p.A., che hanno piu' checompensato il calo della redditivita' registrato da Sogefi. Ilrisultato netto del gruppo e' stato pari a - ' i' 23,4 milionirispetto a una perdita netta di - ' i' 269,2 milioni nel 2013.Gli esercizi 2013 e 2014 sono stati interessati dasignificativi oneri non ricorrenti: escludendo tali componenti,il risultato netto consolidato del 2014 sarebbe stato positivoper ' i' 12 milioni rispetto a una perdita netta di - ' i' 32,6milioni nell'esercizio precedente. Si ricorda che il risultatodel 2013 era stato caratterizzato da due componenti nonricorrenti di segno opposto: da un lato l'effetto negativodelle svalutazioni principalmente riconducibili a Sorgenia,dall'altro l'impatto positivo del giudizio definitivo sul LodoMondadori per un saldo negativo pari a - ' i' 236,6 milioni.Nel 2014 le componenti non ricorrenti per - ' i' 35,4 milionicorrispondono per - ' i' 14,6 milioni all'onere sostenuto peril riacquisto del Bond CIR S.p.A 2024 e per - ' i' 20,8 milionialla svalutazione delle attivita' detenute in "non performingloans", che sono destinate alla dismissione.Il contributo dellecontrollate industriali del gruppo CIR e' stato positivo per 'i' 13,1 milioni, rispetto a un valore negativo di - ' i' 516,8milioni nel 2013. Anche escludendo le componenti straordinariedel 2013, ammontate a - ' i' 491 milioni, il contributo del2014 mostra un significativo miglioramento rispetto a unaperdita di - ' i' 25,8 milioni nel precedente esercizio.Nell'esercizio 2014 Espresso ha ottenuto un risultato increscita rispetto al 2013 nonostante la crisi del settoreeditoriale, mentre KOS ha registrato un utile sostanzialmentein linea con l'anno precedente; Sogefi ha riportato unariduzione dell'utile, ascrivibile principalmente all'evoluzionenegativa del mercato sudamericano e agli oneri diristrutturazione. Per quanto concerne Sorgenia, non si sonoregistrati ulteriori effetti economici, in considerazione dellaprevedibile prossima uscita dal perimetro del gruppo. Ilrisultato della capogruppo e delle controllate non industrialie' stato pari a - ' i' 36,5 milioni (rispetto a un utile di 'i' 247,6 milioni nel 2013 che aveva beneficiato di componentinon ricorrenti, in particolare il risarcimento del LodoMondadori). Escludendo in entrambi gli esercizi i risultati nonricorrenti, la perdita si e' ridotta da - ' i' 6,8 milioni nel2013 a - ' i' 1,1 milioni nel 2014. La posizione finanziarianetta del gruppo CIR al 31 dicembre 2014 ammontava a - ' i'112,8 milioni, in sensibile calo rispetto a - ' i' 1.845,3milioni al 31 dicembre 2013; la variazione e' dovuta aldeconsolidamento della posizione finanziaria netta di Sorgenia,a seguito dell'applicazione del principio contabile IFRS 5. Laposizione finanziaria netta della capogruppo al 31 dicembre2014 era positiva per ' i' 379,5 milioni, in diminuzionerispetto a ' i' 538 milioni di fine 2013 prevalentemente per iprevisti esborsi, gia' contabilizzati nello scorso esercizio,relativi al Lodo Mondadori. La posizione finanziaria nettacomplessiva delle controllate industriali (esclusa Sorgenia) sie' ridotta da - ' i' 528,1 milioni al 31 dicembre 2013 a - ' i'492,3 milioni al 31 dicembre 2014 grazie soprattutto al minoreindebitamento del gruppo Espresso.Il patrimonio netto di gruppoal 31 dicembre 2014 ammontava a ' i' 1.104,5 milioni rispetto a' i' 1.131 milioni al 31 dicembre 2013. La variazione e' dovutaprincipalmente al risultato dell'esercizio. Al 31 dicembre 2014il gruppo CIR impiegava 13.846 dipendenti (14.111 al 31dicembre 2013). Risultati delle controllate industriali delgruppo CIR Media: EspressoGruppo Editoriale L'Espresso e' unadelle piu' importanti aziende editoriali italiane. Opera intutti i settori della comunicazione: stampa quotidiana eperiodica, radio, internet e raccolta pubblicitaria. Il gruppo,controllato da CIR al 56%, e' quotato in Borsa. Nonostante leevoluzioni negative del mercato, che hanno incisosignificativamente sui ricavi, il gruppo ha chiuso il 2014 conun risultato netto positivo e in miglioramento rispetto aquello dell'esercizio precedente. I ricavi di Espresso nel 2014sono stati pari a ' i' 643,5 milioni (-6,6% rispetto a ' i'689,1 milioni nel 2013 come conseguenza della crisi cheinteressa l'intero settore). I costi hanno registrato unariduzione del 6,5%, sostanzialmente equivalente a quella deiricavi. L'EBITDA e' ammontato a ' i' 59,8 milioni, rispetto a 'i' 55,1 milioni del 2013. Il risultato netto consolidato e'stato positivo per ' i' 8,5 milioni (' i' 3,7 milioni nel2013). Per maggiori informazioni sui risultati di Espresso sirimanda al comunicato stampa diffuso dalla societa' il 25febbraio 2015 (http://goo.gl/IDtGN3). Componentistica perautoveicoli: SogefiSogefi e' uno dei principali produttorimondiali nei settori della filtrazione, dei sistemi aria-motoree dei componenti per sospensioni con 42 stabilimenti in quattrocontinenti. La societa' e' controllata da CIR (57,7%) ed e'quotata in Borsa. I ricavi di Sogefi nel 2014 sono ammontati a' i' 1.349,4 milioni, in lieve crescita rispetto a ' i' 1.335milioni nel 2013 (+1,1%; +4,7% a parita' di cambi). L'EBITDA e'ammontato a ' i' 109,5 milioni (-15,5% da ' i' 129,5 milioninel 2013). I risultati hanno risentito del minore contributodei paesi esterni all'area euro, sia per il rallentamento delmercato sudamericano sia per lo sfavorevole effetto cambi,delle ristrutturazioni effettuate in Europa e delle conseguentitemporanee inefficienze, soprattutto nel terzo trimestre. Lariduzione dei margini ha pesato sul risultato nettodell'esercizio, positivo per ' i' 3,6 milioni rispetto a unutile di ' i' 21,1 milioni nel 2013. Per maggiori informazionisui risultati di Sogefi si rimanda al comunicato stampa diffusodalla societa' il 23 febbraio 2015 (http://goo.gl/Z5UFdF).Sanita': KOSKOS e' uno dei maggiori gruppi italiani nel settoredella sanita' socio-assistenziale (gestione di residenzesanitarie assistenziali e centri di riabilitazione, gestioniospedaliere). Il gruppo gestisce 73 strutture, prevalentementenel centro nord Italia, per un totale di circa 6.820 postiletto, ai quali se ne aggiungono circa 200 in fase direalizzazione. Controllata da CIR (al 51,3%), KOS e'partecipata dal gruppo Ardian. Nel 2014 KOS ha ottenuto ricaviper ' i' 392,4 milioni (+5,3% rispetto a ' i' 372,5 milioni nel2013), grazie allo sviluppo delle tre aree di attivita'(residenze sanitarie assistenziali, centri di riabilitazione,cure oncologiche e diagnostica /gestioni ospedaliere). L'EBITDAe' aumentato del 7,7% rispetto al 2013. L'utile netto e'ammontato a ' i' 12,3 milioni, in crescita rispetto a ' i' 11,8milioni nel 2013. L'indebitamento finanziario netto al 31dicembre 2014 era pari a ' i' 157 milioni (' i' 155,7 milionial 31 dicembre 2013). Nel corso dell'anno si segnalano gliavviamenti delle strutture RSA di Montecosaro (MC) e Bergamo el'acquisizione dell'ospedale privato a indirizzoneuropsichiatrico "Villa Azzurra" a Riolo Terme (RV). Nell'areadelle cure oncologiche e diagnostica proseguono le attivita' inIndia con la joint venture ClearMedi Healthcare LTD e in RegnoUnito con la controllata Medipass Healthcare LTD. All'iniziodel 2015, inoltre, il gruppo ha acquisito due strutture(operanti in ambito RSA e Riabilitazione) in Lombardia,portando il numero di posti letto complessivi a6.820.Investimenti non-coreGli investimenti non-core del grupposono rappresentati da iniziative di private equity,partecipazioni non strategiche e altri investimenti per unvalore complessivo al 31 dicembre 2014 pari a ' i' 150,9milioni (' i' 179,9 milioni al 31 dicembre 2013). Inparticolare, il gruppo CIR detiene un portafoglio diversificatodi fondi nel settore del private equity (fair value al 31dicembre 2014 pari a ' i' 67,7 milioni). Si segnalano, inoltre,partecipazioni non strategiche per un valore di ' i' 33,9milioni al 31 dicembre. In particolare il gruppo detiene circail 17% della societa' Swiss Education Group, uno dei leadermondiali nella formazione di figure manageriali nel settoredell'hospitality: il valore dell'investimento al 31 dicembre2014 ammontava a ' i' 21,1 milioni. Il gruppo CIR, infine,detiene un portafoglio di non performing loans, il cui valoreal 31 dicembre 2014 ammontava a ' i' 49,3 milioni. Nel corsodell'ultimo trimestre del 2014 e' stato deciso di procederealla cessione di tale portafoglio il cui valore, pertanto, e'stato considerato in un'ottica di realizzo, determinando unasvalutazione di ' i' 20,8 milioni.Risultati della societa'capogruppo CIR S.p.A.La societa' capogruppo CIR S.p.A. hachiuso il 2014 con una perdita netta di - ' i' 27,4 milioni (dicui - ' i' 17,5 milioni per oneri non ricorrenti dovuti alriacquisto del Bond 2024). Tale risultato si confronta con unutile di ' i' 155,4 milioni del 2013, che era stato determinatodai proventi relativi al Lodo Mondadori e dalla svalutazionedell'intera partecipazione nel gruppo Sorgenia. Se si escludonotali componenti non ricorrenti, la diminuzione del risultatonel 2014 e' da attribuirsi ai minori dividendi da societa'controllate. Il patrimonio netto della societa' al 31 dicembre2014 era pari a ' i' 1.068,1 milioni rispetto a ' i' 1.097,8milioni al 31 dicembre 2013.Evoluzione prevedibiledell'esercizio 2015L'andamento del gruppo CIR nel 2015 sara'influenzato dall'evoluzione del quadro economico italiano, ilcui impatto e' significativo in particolare sui settori media esanita', nonche' dall'andamento del mercato sudamericano per ilsettore della componentistica auto. Nell'esercizio il gruppodovrebbe tornare a conseguire un risultato netto positivo,fatti salvi eventi di natura straordinaria al momento nonprevedibili. SimoneFerradini 2015-03-09 13:04:24.