Caso Elena Ceste: via al processo. Il marito-imputato in aula

(AGI) - Asti - Si e' aperto questa mattina in tribunalead Asti il processo a carico di Michele Buoninconti, marito diElena Ceste,  

(AGI) - Asti, 1 lug.- Si e' aperto questa mattina in tribunalead Asti il processo a carico di Michele Buoninconti, marito diElena Ceste, la donna scomparsa da casa il 24 gennaio 2014 eritrovata morta dopo nove mesi, il 18 ottobre, sulla riva di uncanale non lontano dalla sua abitazione. L'uomo, che ha sceltodi essere processato con rito abbreviato deve rispondere diomicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere. Ilprocesso si svolge a porte chiuse. In aula e' presente Michele Buoninconti, detenuto nelcarcere di Verbania con l'accusa di omicidio premeditato eoccultamento di cadavere. Buoninconti e' stato arrestato il 29gennaio scorso. Nell'Aula 1 del tribunale di Asti sono presentianche i genitori di Elena Ceste, Franco Ceste e Lucia Reggio,accompagnati dai legali Deborah Abate Zaro e Carlo Tabbia, chechiederanno di costituirsi parte civile nei confronti delgenero. Il gup di Asti Roberto Amerio ha ammesso la costituzione diparte civile dei genitori della donna, dei figli, della sorellaDaniela e del cognato Danilo Pacelli. Parte civile e' stataammessa anche l'associazione "Penelope". "Siamo stati vicinialla famiglia in questi nove mesi - spiega il vicepresidenteFrancesco Farinella - e non ci sentiamo di abbandonarli ora".Al momento e' in corso una pausa dell'udienza. MicheleBuoninconti, imputato per l'omicidio della moglie, e' presentein aula e sarebbe apparso a chi assiste all'udienza 'moltodimagrito'. (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it